L'arte ai tempi del Fascismo: uno sguardo su quel presente

In Fondazione Prada a Milano la mostra "Post Zang Tumb Tuum"

14.03.2018 - 17:30

0

Milano (askanews) - Secondo il filosofo Giorgio Agamben un'operazione fondamentale per guardare all'arte è quella in cui la si "purifica dallo spettatore". In un certo senso qualcosa di simile avviene anche nella grandiosa (e non esente da problematiche) esposizione che Germano Celant (chi altri poteva osare) ha curato per Fondazione Prada a Milano dedicata all'arte e alla società italiana negli anni del Fascismo. "Post Zang Tumb Tuuum - Art Life Politics: Italia 1918-1943" è qualcosa che vuole essere di più di una mostra, oppure, se preferite, è un ampliamento del concetto di mostra che vuol espressamente ribadire che, citando un altro filosofo, Jacques Rancière, l'arte non esiste mai in astratto, ma si forma e prende forma in un determinato contesto storico e culturale. E dunque, per tornare all'inizio, in una sorta di purificazione dallo sguardo degli spettatori, condotta in nome di un più vasto ragionamento sul territorio nel quale l'arte che osserviamo insisteva. Anche, e soprattutto, in un periodo storico complesso, drammatico e a volte atroce come quello italiano degli anni tra le due Guerre.

Più di cento autori esposti, partendo, anche nel titolo, dal Futurismo come motore avanguardistico di spinta, ma guardando poi a tutto campo, alle arti applicate, alla progettazione architettonica, alla strategia politica di comunicare quella che era una Nuova Italia, anche attraverso l'arte. Per far questo Fondazione Prada e Celant hanno scelto, appoggiandosi allo studio newyorchese 2x4, di "ricostruire le condizioni materiale e fisiche" dalle presentazione originale delle opere, allestendo 24 ricostruzioni parziali di sale espositive pubbliche e private. Una scelta che, anche in questo caso, gioca ancora sulla complessità, sfidando, in un luogo che ha saputo dare ospitalità a progetti di contemporaneità spinta, il gusto del nostro tempo, anche a livello di allestimenti. Certo, si tratta di un artefatto, quindi doppiamente interessante dal punto di vista concettuale, ma la dimensione "reale" della mostra vorrebbe, almeno in parte, liberarsi dal concettuale per tornare allo spirito del tempo, per quanto oscuro potesse essere.

Accanto ai Balla, ai Depero, ai Morandi ci sono le statue di Adolfo Wildt, che più di altre opere hanno pagato un prezzo al successivo cambio di stagione politica, almeno a livello di gusto, ma ci sono anche documenti, lettere, riviste, fotografie private, cinegiornali e manifesti che provano a dare una forma più compiuta alla temperie di quel presente. Che, tornando ad Agamben, molti di noi non hanno vissuto, ma che comunque è stato un presente e come tale la mostra in Fondazione Prada prova a farcelo rivivere oggi, come contemporaneità.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Quintana, ecco l'istante in cui si infila l'anello
La giostra più difficile che mai

Quintana, ecco l'istante in cui si infila l'anello

Eccoli i signori dell'Anello! Ecco i cavalieri di Foligno alla Quintana del giugno 2018. Ecco il campione della regolarità, il cavaliere Pertinace che porta il Cassero al trionfo beffando Croce Bianca all'ultima manche. Ma ecco soprattutto la magia dello zoom al rallentatore nelle immagini girati dal Corriere dell'Umbria mentre i cavalieri infilzano e infilzano e infilzano (nove volte alla fine) ...

 
Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Valencia, (askanews) - L'odissea è finita: i 630 migranti a bordo delle navi Aquarius, Dattilo e Orione, hanno finalmente toccato terra, sbarcando a Valencia dopo 9 giorni di navigazione. Ma per loro si apre ora un grande interrogativo sul futuro. Dove potranno vivere? Cosa faranno ora? E soprattutto saranno rispediti nelle loro terre di origine? A quanto annunciato dal premier spagnolo Pedro ...

 
Altro

Borsa: europee chiudono in rosso, a Piazza Affari giù Snam e Poste

Le Borse europee archiviano in rosso la seduta odierna di scambi. I timori per un ulteriore inasprimento della guerra commerciale tra Usa e Cina sui dazi appesantisce i mercati del Vecchio continente che, sulla scia di Wall Street, chiudono con il segno meno, lasciando sul terreno perdite che oscillano tra lo 0,40% di Milano e l’1,36% di Francoforte.  Unica piazza in controtendenza è Londra, che ...

 
A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

Londra (askanews) - Esattamente a due anni di distanza dai Floating Piers del Lago d'Iseo, è stata svelata a Londra la nuova opera gigante dell'artista Christo: si chiama Mastaba. E' stata allestita nel lago Serpentine di Hyde Park a Londra. Si tratta di una struttura composta da 7.506 barili colorati che poggiano su una piattaforma di cubetti di plastica. L opera sarà visibile dal 19 giugno fino ...

 
"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Cavriglia

"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Sabato 16 giugno alle 21 al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer a Cavriglia si terrà l'atto conclusivo del corso di teatro promosso dall'Associazione Culturale Teatrale ...

15.06.2018

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Teatro

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Secondo e ultimo appuntamento di CastleTheatre, la nuova rassegna di teatro nei castelli ideata dall’associazione aretina rumorBianc(O). Domenica 17 giugno al Castello di ...

15.06.2018

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

LA RASSEGNA

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

Penultima e attesa giornata del Passioni Festival venerdì 15 giugno al cinema Eden di Arezzo con due grandissimi appuntamenti. Il primo, alle 18,30, è quello con il capitano ...

15.06.2018