I Giammarresi tornano in tv. Pif: smitizziamo il mito della mafia

"La mafia uccide solo d'estate 2" in onda dal 26 aprile su Rai1.

16.04.2018 - 17:30

0

Roma (askanews) - La famiglia Giammarresi torna in tv con il secondo capitolo de "La mafia uccide solo d'estate", la fiction nata da un idea di Pif, in onda dal 26 aprile su Rai1. Nella Palermo del 1979 i componenti della famiglia Giammarresi devono vedersela con problemi quotidiani e scelte morali più complicate, mentre intorno Cosa Nostra alza il tiro e condanna a morte gli uomini delle istituzioni, tra cui il giudice Terranova e il Presidente della Regione Piersanti Mattarella. Proprio in lui il capofamiglia interpretato da Claudio Gioè aveva riposto molte speranze, mentre la moglie, interpretata da Anna Foglietta, ottiene una cattedra a scuola grazie all'intervento, poco limpido, del fratello, Francesco Scianna.

Il tono da commedia mentre si rievocano fatti cruciali del Paese è l'ingrediente principale del successo della serie. "Non è soltanto una soddisfazione professionale riuscire a fare una serie così, è proprio un'arma vera e propria: smitizziamo il mito della mafia".

Nella serie si vede come, al di là della violenza dei boss, una mentalità doveva essere sconfitta. "Dobbiamo iniziare a pensare che se la mafia esiste è perché in qualche modo noi lo vogliamo. Una delle cose che la mafia vuole è che si riconosca il suo potere. E noi con piccoli compromessi quotidiani facciamo esattamente quello".

Come nel suo film anche qui c'è un ragazzino, interpretato da Eduardo Buscetta, che racconta le vicende di quegli anni di tensione in Sicilia. Per Pif però oggi la situazione sta cambiando. "Che le cose stiano cambiando è un dato di fatto, poi che stiano cambiando lentamente, che stiamo pagando un prezzo altissimo, non ci sono dubbi, però noi abbiamo girato il film senza pagare il pizzo,

cosa che non è così normale a Palermo. Abbiamo girato la prima serie e non abbiamo pagato il pizzo, la seconda serie e non abbiamo pagato il pizzo.Se noi cresciamo in un Paese dove l'educazione numero uno è 'tanto le cose non cambiano', la terra del Gattopardo, basta, che due c. Basta, bambiamo libro!".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Salvini querela Saviano, Delrio incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania."Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire". Queste le parole di Delrio ai giornalisti sulla querela del ...

 
Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone" Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Occorre uno sforzo per affermare il principio dell'uguaglianza tra persone nel nostro Paese". Queste le parole di ...

 
PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 PD, Delrio mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Bisogna mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente". Queste le parole di Delrio. AltrimondiNews Fonte: Agenzia Vista / Alexander ...

 
26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

Palermo (askanews) - Ventisei anni dopo Palermo si è ritrovata ancora una volta in via D'Amelio per ricordare il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Sul palco allestito davanti all'albero che ricorda la strage di Via D'Amelio del 19 luglio 1992, sono saliti in tanti per testimoniare il ...

 
Stanley Clarke al Valdarno Jazz Summer

Il festival

Stanley Clarke al Valdarno Jazz Summer

Musicista, compositore e performer: sarà il leggendario bassista statunitense Stanley Clarke, accompagnato dalla band composta da Beka Gochiashvili al pianoforte, Cameron ...

19.07.2018

Tre giorni di eventi con l'Arezzo Celtic Festival

La rassegna

Tre giorni di eventi con l'Arezzo Celtic Festival

Tra arpe, cornamuse e tamburi, l’Arezzo Celtic Festival sarà acceso da tre serate di concerti e di spettacoli. La quinta edizione dell’evento è in programma al parco Pertini ...

19.07.2018

Paolo Fresu e il Davil Quartet in concerto al Parco Pertini

Arezzo

Paolo Fresu e il Davil Quartet in concerto al Parco Pertini

Inizia giovedì 19 luglio l’Enel Energia Tour che porta la grande musica in cinque città italiane. Ad aprire il ciclo di serate sarà Arezzo: appuntamento giovedì 19 luglio al ...

19.07.2018