Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fiera Antiquaria straordinaria: è l'ora del vintage

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Passione per il collezionismo, arte e bellezza si incontrano ad Arezzo sabato 25 aprile: il centro storico ospita infatti la nuova edizione straordinaria della Fiera Antiquaria dedicata a vintage, modernariato, antichità e collezionismo. L'evento, lanciato nel 2013 e arrivato dunque al terzo appuntamento annuale, è organizzato dall'Amministrazione Comunale di Arezzo con il sostegno della Camera di Commercio e delle associazioni di categoria del commercio e dell'artigianato, oltre che con la collaborazione tecnica della Confcommercio. L'area del centro storico che sarà occupata dagli stand è la stessa delle tradizionali edizioni mensili della Fiera Antiquaria: gli oltre 250 operatori si sistemeranno fra la parte alta compresa fra piazza della Libertà, piazza Madonna del Conforto e via dell'Orto, scendendo lungo via dei Pileati e Corso Italia per allargarsi in piazza Grande, piazza San Francesco, piazza della Badia e le aree limitrofe. Ci saranno però diverse novità, a partire da qualche nuovo ingresso tra gli operatori dell'antiquariato. Ma , soprattutto, a cambiare, però, sarà la disposizione degli stand, che in questa edizione straordinaria privilegerà l'area espositiva di vintage, modernariato e opere del proprio ingegno. Le Logge Vasari e lo spazio antistante, nella parte nord di piazza Grande, saranno il regno di abiti, tessuti, borse, scarpe, foulard ed altri accessori firmati dagli anni Cinquanta in poi, proposti e reinterpretati da collezionisti, esperti e commercianti del vintage. Una trentina gli espositori del settore, che insieme creeranno una sorta di coloratissima “fiera nella fiera” in cui gli appassionati del genere potranno divertirsi a scovare il pezzo cercato da tempo, fra curiosità di tutti i tipi: dal jeans all'abbigliamento militare, dalla borsa firmata all'abito da sera fino agli occhiali più stravaganti degli anni 70. Tra piazza della Libertà e via dell'Orto si disporranno invece gli stand dedicati alle “opere dell'ingegno”, tra dipinti, ceramiche, sculture in legno e terracotta, ma anche bigiotteria, borse, ricami e ogni altra produzione artistica realizzata rigorosamente a mano in tiratura unica o limitata. Nel resto del tradizionale percorso della Fiera ideata da Ivan Bruschi nel 1968, si troveranno gli espositori di collezionismo e antichità, nella consueta e affascinante mescolanza di mobili, decorazioni, libri, gioielli, tessuti e oggetti di epoche e stili diversi, che ogni volta cattura lo sguardo di visitatori stranieri e italiani. In occasione della Fiera Antiquaria straordinaria del 25 aprile anche i negozi e le altre attività economiche del centro storico resteranno aperti. L'evento si propone infatti come richiamo ideale per i turisti che decideranno di passare il week end festivo in una città d'arte come Arezzo.