Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fondo risparmiatori, il sottosegretario Alessio Villarosa: "Tra due mesi i primi indennizzi"

  • a
  • a
  • a

“I primi pagamenti degli indennizzi ai risparmiatori sono previsti tra sessanta giorni”. A indicare i tempi ci pensa Alessio Villarosa, il sottosegretario al Ministero dell’Economia e Finanze che ha seguito fin dalle prime battute l’iter della procedura che riguarderà 145 mila azionisti e obbligazionisti subordinati in tutta Italia, 15 mila dei quali sono ex Banca Etruria. Lo scorso 18 giugno è scaduto il termine per la presentazione delle richieste e la commissione si è messa subito al lavoro. “Entro questo lasso di tempo di sessanta giorni dovrebbe essere esaminato il primo migliaio di pratiche” spiega Villarosa. “L’attenzione sarà ovviamente rivolta a quelle pratiche inviate da risparmiatori con redditi più bassi e che dunque rientrano in quei parametri da tempo fissati” (35 mila euro di reddito o centomila di patrimonio mobiliare, ndr). Questi, come recita la normativa che detta le regole per l’accesso al Fondo indennizzo risparmiatori, “hanno diritto a una procedura semplificata e prioritaria”, così come, nell’erogazione degli indennizzi, “è data precedenza ai pagamenti di importo non superiore a 50 mila euro”. “Sono soddisfatto” sottolinea il sottosegretario, “e non nascondo che quello del 18 giugno è stato per me un giorno molto felice. Sono migliaia i risparmiatori che a breve riceveranno i loro soldi. E’ la prima volta che lo Stato restituisce i soldi truffati ai cittadini da parte delle banche e lo faremo con una procedura veloce”. Per questi indennizzi il Governo ha stanziato un miliardo e mezzo di euro: la previsione era di spalmarli su tre anni, partendo dal 2019. Lo slittamento dei termini – non dimentichiamo che l’iter per la raccolta delle domande ha conosciuto due proroghe per dare più tempo ai risparmiatori di poter raccogliere i documenti – comporterà una modifica nella ripartizione degli stanziamenti? “No” assicura Villarosa, “fin da ora l’attuale dotazione prevede sia quanto stanziato per il 2019 che per il 2020”.