Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, Ilaria Bidini foto osè per mandare un messaggio alle donne: "Piacetevi così come siete"

  • a
  • a
  • a

Ha messo la sua foto in abiti succinti, sul suo profilo facebook, per lanciare un messaggio a tutte le donne, soprattutto a quelle disabili e dire loro: “Piacetevi”. Ilaria Bidini, affetta da osteogenesi fin dalla nascita, la paladina dei diritti civili, Cavaliere della Repubblica e che da anni lotta contro il bullismo, ha deciso stavolta di rivolgersi a tutte le donne. Lo aveva fatto anche l’anno scorso. La foto, però, venne censurata, anche se Ilaria ebbe modo di leggere i commenti: “Sei caduta in basso. Sei un’esibizionista - mi dissero - ma il mio messaggio era un altro”. E così ha deciso, quest’anno di riprovarci. Nel post che accompagna la foto scrive: “Il messaggio è duplice. Perchè faccio questo post? Troppe volte vedo donne disabili ricevere commenti del tipo ‘mi fai tenerezza’ oppure ‘Ma che tenera sei’. Troppe volte si dimentica che dietro ad una disabilità c'è una donna! Che non deve per forza fare tenerezza ma che può anche essere sensuale e sexy esattamente come una donna ‘normodotata’. E troppe volte vedo e sento donne non accettare il proprio corpo a causa delle proprie "imperfezioni". È vero..accettarsi e piacersi non è semplice ma..se l'ho fatto io che sono un metro e un barattolo (105 cm di gloria...!) Chiunque può riuscirci. Stare bene con se stesse e con il proprio corpo è importante. Ora non mi afienate (termine aretino) che è volgare ecc ecc che non ci si crede eh!Donne..piacetevi. Siete belle cosi. Tutte”. E il post ha subito riscosso grande successo. Quasi 1000 like e tantissimi commenti. “Non ho fatto niente di che - dice Ilaria - E’ solo che troppo spesso vedo ragazze disabili che si accontentano di una relazione, di un ragazzo o semplicemente di un vestito, perché dicono ‘tanto sono così e nessuno mi guarderà’. Ma non è vero”. “Prendete me - continua la combattiva Ilaria - Io sono alta un metro e cinque centimetri, eppure mi piaccio. Ho imparato che le mie imperfezioni mi rendono unica e anche più interessante. Così devono fare tutte le donne. Anche una donna disabile può essere sexy al pari di una normodotata”. E Ilaria si rivolge anche alle normodotate. “Quando vado nelle scuole e sento di ragazze che fanno diete incredibili, perché vogliono somigliare a quella o a quell’altra modella, io non lo accetto. A loro dico che sono belle così senza diete disperate o che altro”. Ma non sempre Ilaria ha parlato in questo modo. “Il mio percorso è stato lungo e anche faticoso - racconta - Non mi sono accettata per un periodo della mia vita. Poi, piano piano, con tanto esercizio e con un aiuto psicologico sono riuscita a trovare la mia dimensione. Adesso mi accetto e mi piaccio così come sono”. Ilaria Bidini in questi anni non si è mai arresa di fronte agli attacchi e alle offese che le sono stati rivolti. Ha denunciato, testimoniato in tribunale quando il giudice voleva archiviare il suo caso sulle offese, è andata nelle scuole per dire ai ragazzi di andare sempre a testa alta e due anni fa il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, le ha conferito la carica di Cavaliere della Repubblica. Oggi Ilaria aspetta di nuovo di tornare in giro per l’Italia a fare conferenze, a stringere mani e a dire a tutti: “Le nostre imperfezioni ci rendono uniche. Donne accettiamoci, perché siamo tutte belle”.