Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, coltellata al collega: arrestato per tentato omicidio con premeditazione. 25 anni fa fermato per un'aggressione identica

  • a
  • a
  • a

E’ stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio aggravato dalla premeditazione Giovanni Polucci Sabbioni, l'operaio comunale di 59 anni, che nella mattinata di lunedì 29 giugno ha ferito con una coltellata al collo il geometra Mario Mastrantone in un ufficio dell'area Manutenzione del Comune di Arezzo in via Tagliamento. L'uomo, dopo una fuga di un paio d'ore, si è costituito dai carabinieri. Nel corso dei successivi accertamenti investigativi - con i militari dell'Arma è impegnata anche la Squadra Mobile della Questura - è emerso che Polucci Sabbioni, 25 anni fa, nel giugno del 1995, aveva aggredito un collega, colpendolo con una coltellata al collo. Anche allora teatro del dramma fu il deposito Manutenzione di via Tagliamento. Intanto il Comune di Arezzo avvierà una indagine interna, in collaborazione con gli inquirenti, per fare luce sull’aggressione del geometra Mario Mastrantone, “sulle dinamiche che hanno portato al folle gesto”. Lo ha sottolineato il sindaco Alessandro Ghinelli inviando un messaggio di vicinanza al dipendente ferito. “Non appena venuto a conoscenza dell’accaduto, sono andato in ospedale a portare la mia solidarietà al geometra Mario Mastrantone. Nonostante fosse ancora sotto choc, ho avuto la possibilità di scambiare con lui qualche parola. Gli ho testimoniato la vicinanza mia e di tutta la struttura comunale, augurandogli una pronta guarigione. Per fortuna il colpo di coltello di cui è stato vittima non ha lesionato organi vitali. Di questa vicenda conserverà un bruttissimo ricordo, la cicatrice sulla pelle ma anche la soddisfazione per gli attestati di stima che in queste ore gli stanno manifestando tante persone. Prima di salutarlo, gli ho fatto presente che lo aspettiamo presto al lavoro”. Mario Mastrantone, 47 anni, molto conosciuto per il suo impegno professionale che lo ha portato a contatto con il mondo dello sport e della Giostra del Saracino, dopo le cure al pronto soccorso dell'ospedale San Donato, è stato giudicato guaribile in una ventina di giorni.