Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, caccia ai ladri del Postamat di Foiano: in fuga con 80 mila euro. Usata acetilene

  • a
  • a
  • a

Il boato ha squarciato il silenzio della notte, ma la gente non ha fatto in tempo a capire cosa fosse successo che i ladri erano già scappati. Portandosi via 80 mila euro in banconote, arraffate dal Postamat fatto saltare in aria con l’acetilene. 
Malviventi professionisti e abili, quelli che nella notte tra mercoledì e giovedì in cinque minuti sono riusciti a condurre in porto l’azione criminosa contro l’Ufficio di Poste Italiane ubicato in piazza Martiri della Libertà nella città del Carnevale. 
I carabinieri svolgono le indagini e dai video delle telecamere dislocate nelle zone circostanti si cerca di ottenere qualche elemento utile per risalire agli autori.
Pare che la banda abbia utilizzato una station wagon per allontanarsi e che nel lasciare Foiano abbia preso la direzione della superstrada.
Il colpo con l’esplosione è stato messo a segno con modalità tipiche di questi assalti. Approfittando del momento notturno, senza persone in giro, i ladri hanno preso di mira lo sportello esterno dell’ufficio e con un tubo vi hanno fatto penetrare l’acetilene. 
Una volta saturato il contenitore, con un innesco hanno provocato a distanza la deflagrazione che ha squarciato il Postamat. Pare che il dispositivo di protezione dai furti, quello che macchia le banconote con inchiostro e le rende inutilizzabili, in questo caso non ha funzionato. 
Gli euro quindi erano buoni e sono finiti nelle mani avide dei banditi. Con l’importante somma in pugno, sono riusciti a scappare prima che arrivassero cittadini e carabinieri. 
Sul posto pattuglie della Compagnia di Cortona che hanno raccolto elementi per avviare le indagini. Non semplici, in questi casi. 
Oltre ai militari della compagna di Cortona, sono impegnati nell’attività i militari della stazione di Foiano della Chiana. Pare che per terra i ladri non abbiano lasciato arnesi. Veloci, esperti, attenti. E probabilmente anche al corrente che il Postamat era ben fornito.
Nei mesi scorsi in provincia di Arezzo furono violati con lo stesso sistema i bancomat delle Poste di Rigutino lungo la regionale 71 e in precedenza quello di Pratantico.