Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, droga nascosta tra le banane al market e sotto l'erba del parco: maxi blitz

  • a
  • a
  • a

Droga nascosta in una scatola di banane nel supermercato etnico e sotto l'erba dei giardini di Campo di Marte. Due arresti, segnalazioni e sequestro di sostanza stupefacente nel quartiere di Saione ad Arezzo. Un servizio straordinario di controllo ad opera della Polizia di Stato, A disporlo è stato il questore Dario Sallustio, nel pomeriggio di mercoledì 8 luglio. Impiegato un numero ingente di uomini della Polizia di Stato, in particolare due squadre del Reparto Mobile di Firenze, sei equipaggi del Reparto Prevenzione e Crimine di Firenze, la Squadra Mobile, le Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Arezzo, la Scientifica, l’Ufficio Immigrazione e altro personale della Questura di Arezzo, nonché diversi equipaggi della Polizia Locale; fondamentale inoltre si è rivelato il contributo dell’Unità Cinofila di Firenze e del loro cane poliziotto antidroga Amper.

Campo di Marte è stata cinturata. La via del supermercato Gala, la farmacia comunale e il centro scommesse. Si è così proceduto all’identificazione e perquisizione personale di tutti i numerosi soggetti presenti nell’area e a seguito dei controlli operati, quattro di loro sono stati denunciati perché risultavano clandestini sul territorio nazionale, uno perchè trovato in violazione di quanto prescritto dalla normativa in materia di immigrazione ed un altro perché inottemperante alla misura del divieto di ritorno nel Comune di Arezzo.

Per quanto riguarda la ricerca della sostanza stupefacente, dopo il rinvenimento di un primo involucro di cellophane contenente sostanza stupefacente del tipo cannabinoidi a cura degli operatori, il cane antidroga riusciva a far rinvenire altri quattro involucri dello stesso tipo. Tutti erano sapientemente nascosti sotto il manto erboso del giardino di Campo di Marte e venivano dunque sequestrati.
Ad uno dei soggetti controllati, già noto alle forze dell’ordine e con diversi precedenti, veniva rinvenuta addosso una piccola quantità di sostanza stupefacente del tipo marijuana e veniva pertanto denunciato.


Terminata questa prima fase del servizio, si proseguiva estendendo i controlli a due noti negozi di prodotti etnici siti sempre in zona Saione, uno dei quali dava esito assolutamente positivo. Infatti, in uno dei due negozi controllati venivano rinvenuti dal cane poliziotto antidroga cinque involucri di cellophane sapientemente occultatati dentro una scatola di cartone contenente banane in stadio di decomposizione del tipo banane nonché ulteriori due involucri di maggiori dimensioni all’interno della borsa di un avventore ivi presente, per un totale di quasi 100g di sostanza stupefacente del tipo cannabinoidi.
Fondamentale è stato il lavoro espletato dal personale della Scientifica che con grande accuratezza ha provveduto nell’immediatezza ad analizzare la sostanza rinvenuta consentendo agli operatori di procedere con l’attività di indagine.
In particolare, consentiva di estendere l’attività di polizia all’abitazione del gestore dell’ esercizio commerciale ove si procedeva a perquisizione domiciliare, anch’essa con esito positivo in quanto veniva rinvenuta e sequestrata una bustina contenente circa 70g di sostanza stupefacente anch’essa appartenente al tipo cannabinoidi e ben occultata nel cassetto del comodino.
Venivano pertanto arrestati per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e ben occultata sia il gestore del negozio commerciale che l’avventore.