Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sfrecciano in moto a 120 all'ora sui passi di Viamaggio e Spino: patenti ritirate e multe

  • a
  • a
  • a

Sorpassi da brivido, curve “tagliate” come in un circuito di moto Gp, sfrecciando a tutto gas, con la lancetta del contachilometri che ha raggiunto anche i 120, 130 all’ora in tratti dove il limite di velocità è tra i 50 e i 70. Sei patenti sospese, una decina di verbali, le carte di circolazione di due mezzi ritirate: è questo un primo bilancio dei controlli che, nella giornata di domenica 26 luglio, hanno visto impegnati i carabinieri forestali della stazione di Sansepolcro e i colleghi di Arezzo sui passi di Viamaggio e dello Spino. E’ tornata la campagna Defend Life, quella  iniziativa legata alla sicurezza stradale che negli anni ha portato le pattuglie del Corpo Forestale a controllare le strade di montagna e in particolare i passi appenninici della nostra provincia che nei mesi estivi diventano una delle mete preferite dagli appassionati delle due ruote. Ma un conto è il “giro” in sicurezza, un altro sono i comportamenti che mettono a rischio la propria e la altrui incolumità. Domenica lungo i passi di Viamaggio e dello Spino, particolarmente trafficati non solo dai centauri ma anche da auto, camper e autobus, c’è stato chi in sella a una moto ha aperto il gas lungo quelle curve, scambiandole per un circuito. Sei le patenti sospese dopo che i motociclisti sono stati sorpresi dalla telecamera sistemata a bordo di un'auto dei carabinieri forestali mentre effettuavano dei pericolosi sorpassi in curva. Per i sei  anche una decurtazione di dieci punti e una multa di 300 euro. Una decina invece le sanzioni da 150 euro (e 4 punti decurtati) che sono scattate nei confronti di altrettanti motociclisti, sorpresi a violare alcune norme del codice della strada. In due casi, poi, sono state ritirate le carte di circolazione, visto che dai controlli delle pattuglie sono emerse delle modifiche o delle alterazioni negli assetti dei mezzi.