Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, evade dai domiciliari per compiere furto e rapina: ora rinchiuso è in carcere

  • a
  • a
  • a

E' stato rimesso in carcere l'uomo che nei giorni scorsi è evaso dai domiciliari ed è tornato a delinquere. I Carabinieri della Stazione di Bucine hanno eseguito un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare, emessa dalla magistratura di sorveglianza di Firenze. L’uomo, italiano del ’79, una decina di giorni fa era si era allontanato dall'abitazione dove era ai domiciliari per compiere un furto in un bar nella zona di Civitella in Val di Chiana: approfittando di un attimo di distrazione della cassiera, aveva sottratto 100 euro dalla cassa, dileguandosi poi a bordo dell’auto intestata al padre. Successivamente, mentre era sulla strada del rientro verso Bucine, si era fermato in un altro esercizio pubblico della zona di Laterina-Pergine Valdarno dove, anche in questo caso, aveva sottratto 100 euro dalla cassa: in questo caso era nata una colluttazione con un avventore che lo aveva colpito alla testa con una sedia mentre l’uomo guadagnava l’uscita dal locale. Le testimonianze raccolte, unitamente alla visione delle telecamere degli impianti di videosorveglianza, avevano in poco tempo condotto all’identificazione dell’uomo: durante un controllo nella sua abitazione i Carabinieri hanno sequestrato i vestiti sporchi del suo stesso sangue, indossati all’atto della rapina impropria. Poi, scortato dai Carabinieri, l’uomo è stato fatto medicare all’ospedale di Montevarchi, dove è stata suturata la ferita ricevuta in conseguenza della colluttazione. Inizialmente l’uomo era stato posto nuovamente ai domiciliari nell’attesa di nuovi provvedimenti dell’autorità giudiziaria, giunti nella serata di ieri, quando è stato tradotto presso il carcere di Arezzo.