Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, sospeso il taglio dei quattro alberi alla stazione

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

I quattro tigli, per il momento, non saranno abbattuti. Ad annunciarlo è il sindaco Alessandro Ghinelli che spiega che il progetto è “momentaneamente sospeso”. “La polemica sugli alberi è inesistente - dice il primo cittadino a margine della presentazione della Lista “Ora Ghinelli” - C’è un progetto dietro e ci sono motivazioni che, evidentemente, non sono state veicolate bene. Abbiamo dunque deciso di sospendere il tutto e di spiegarlo bene, motivando il perché di un'idea che non viene comunque rimessa in discussione. La levata di scudi verso l’abbattimento di poche piante che vengono sostituite da più che altrettante ci ha fatto però porre il tema della comunicazione: faremo in modo di comunicare in modo compiuto e completo l’indirizzo fornito dall’amministrazione ai progettisti”. E dunque, per ora, i quattro tigli che avevano sollevato la protesta dei cittadini e che si trovano in piazza della Repubblica davanti alla stazione - in rifacimento - restano al loro posto. Dovevano essere tagliati alla fine del mese di agosto, tanto che Gabriele Donnini, che si era fatto portavoce della protesta con una raccolta di firme, oltre duecento tra commercianti e residenti e un sit in, sotto le piante, aveva già deciso di presidiare il territorio dal 30 di agosto fino ai primi di settembre. “Un presidio permanente per evitare che taglino i quattro alberi. Se necessario dormirò anche là sotto”, aveva detto Donnini. Una protesta che è andata avanti quotidianamente tra tam tam sui social, visita alle piante, raccolta firme e ieri mattina anche dei volantini. Sono stati legati sulle piante e c’era scritto “sindaco, perché mi abbatti?”. “E’ una cosa assurda tagliare queste piante - dicono gli avventori del Bar Gallini seduti fuori sui tavolini - Durante l’estate fanno ombra, si sta al fresco e soprattutto sono un bel biglietto da visita per la città. Non vogliamo che vengano tagliati e faremo di tutto, perché gli alberi restino al loro posto”. “Ormai sono anni che questi alberi sono qua. Praticamente sono cresciuti con la città. A chi danno noia? Speriamo ci ripensino”. Per il momento dunque sembrerebbe così, almeno fino a quando, come ha spiegato il sindaco Ghinelli, il progetto non viene reso pubblico e soprattutto spiegato ai cittadini. Praticamente dagli uffici comunali delle opere pubbliche, hanno comunque ribadito che al posto dei quattro alberi, una volta tagliati, ci saranno messi altre piante che dovranno essere allineate con quelle già esistenti in via Guido Monaco. Ma nonostante questa momentanea sospensione, il comitato in difesa degli alberi, guidato da Gabriele Donnini continuerà a vigilare e a fare in modo che il progetto venga sospeso del tutto. “Nessuno abbasserà la guardia - dicono i residenti e i commercianti - gli alberi devono restare al loro posto”.