Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, riammesso alle regionali il candidato escluso per un "Arezzo" di troppo

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Escluso per un Arezzo di troppo, riammesso dalla Corte di Appello di Firenze. Cristiano Rossi festeggia dopo che sabato scorso si era visto escludere dalla lista regionale numero 6 “Toscana a sinistra” che sostiene il candidato alla Regione, Tommaso Fattori. “Adesso potrò riprendere la mia campagna elettorale - dice Rossi - L’ufficio centrale regionale mi ha dato ragione e ha ribaltato il verdetto del ricorso che avevo immediatamente presentato”. Cristiano Rossi, preside a 500 chilometri di distanza, lo scorso agosto riceve via mail i documenti per firmare la propria candidatura. “Purtroppo però - racconta -, quando ho firmato l’accettazione della candidatura di fronte al funzionario del Comune di Floridia, in Sicilia, dove mi trovavo in vacanza, ho scritto ‘Arezzo’ invece di ‘Floridia’ accanto alla data. Questo errore puramente materiale mi è costato la cancellazione della mia partecipazione dalla campagna elettorale”. Cristiano non si dà per vinto e insieme al delegato presentatore della lista regionale, Angelo Maria Cardone, ha inoltrato ricorso al tribunale di Arezzo. “Non mi hanno dato ragione, sostenendo che l’errore di luogo non doveva essere fatto”. A quel punto sono arrivati fino alla Corte di Appello di Firenze, Commissione Centrale Elettorale che ieri pomeriggio ha inviato loro la bella notizia. “Cristiano è stato riammesso alla competizione elettorale - fa sapere Angelo Maria Cardone - Sono contento per lui al quale era dispiaciuto molto questo, chiamiamolo, imprevisto e anche per la lista. La Corte di Appello ci ha dato ragione. Cristiano aveva firmato davanti ad un funzionario e non potevano escluderlo per un errore così”. “Mi sarebbe dispiaciuto - dice Cristiano - anche perché in vita mia ho accumulato due multe per divieto di sosta e nulla più”.
Adesso la campagna elettorale per la corsa alle Regionali potrà riprendere. “Ma alla fine non ha mai smesso - dice Cardone - ha continuato anche se escluso, a sostenere Fattori così come aveva promesso sabato scorso quando la sua candidatura non era stata accettata. Ora lo farà a maggior ragione