Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'ex arbitro Vincenzo Fiorini nuovo team manager dell'Arezzo. Calciomercato, lavori in corso

Matteo Poggesi
  • a
  • a
  • a

Vincenzo Fiorini è il nuovo team manager della S.S. Arezzo, ufficializzato l’arrivo del laziale nella società amaranto. E’ il classe 1984 Vincenzo Fiorini il nuovo team manager dell’Arezzo. Originario di Sora, Fiorini, è stato arbitro dal 2001 al 2018 mentre nella scorsa stagione ha ricoperto il ruolo di team manager proprio nella squadra della sua città natale. Durante la carriera da arbitro ha diretto in CAN C circa 100 gare e vanta anche 30 gettoni in Serie B come Quarto Ufficiale. Contemporaneamente è stato per quattro stagioni vice presidente della sezione AIA di Frosinone. Carattere forte e grande capacità organizzativa arriva ad Arezzo per ricoprire un ruolo amplissimo come quello di Team Manager che lo vedrà impegnato a semplificare, analizzare, spiegare e risolvere problemi e situazioni che si verificheranno nella vita quotidiana della squadra. La chiamata al suo numero è stata fatta direttamente dal direttore generale Riccardo Fabbro. “Una chiamata inaspettata ed arrivata come un fulmine a ciel sereno - ha confessato lui stesso ai colleghi di tg21.info - Poche ore per pensarci e una notte trascorsa in bianco tra mille pensieri e preoccupazioni. Alla fine ho accettato ed ho firmato il tesseramento che mi lega a questo club, perché la passione e l’amore che nutro per questo sport sono un qualcosa di così grande che non si può spiegare”. In realtà Arezzo e Fiorini si sono già incrociati durante il passato decennio infatti durante la sua carriera è stato due volte al Città di Arezzo per un totale di quattro gare in cui ha diretto il Cavallino: 6 maggio 2012 Arezzo-Sansepolcro, 18 novembre 2012 Arezzo-Castel Rigone, 23 novembre 2013 Trestina-Arezzo e 20 novembre 2016 Pontedera-Arezzo. 
I protagonisti della giornata odierna saranno però anche mister Potenza ed il ds Di Bari perché oggi inizia il calciomercato “estivo” e l’Arezzo avrà a disposizione poco più di trenta giorni per costruire una squadra. Direttore ed allenatore stanno continuando a valutare da vicinissimo i ragazzi attualmente a disposizione. Entrambi sono pienamente d’accordo sulla necessità di intervenire con un acquisto per reparto fatta eccezione della porta che sarebbe al sicuro con la conferma di Pissardo e Daga. Prima di procedere a comprare però la società amaranto dovrà (forse) vendere perché la Lega ha fissato le liste a 22 giocatori ed attualmente l’Arezzo ne ha già 20 sotto contratto. La difesa necessiterà sicuramente di un centrale difensivo perché su Baldan (attualmente ai box causa Covid) si fanno sempre più forti le voci del Catanzaro ed a Potenza servirà un difensore capace di giocare sia con la difesa a tre, sia a quattro. A centrocampo poi dovranno essere fatte delle valutazioni coerenti al modulo scelto dal tecnico pugliese perché qualora si opti per una mediana con tre elementi parlare di almeno due centrocampisti da acquistare non sarebbe lontano dalla verità. Infine, in attacco Gori è tornato a Firenze ed una prima punta da doppia cifra farebbe sicuramente comodo.