Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio, derby Arezzo - Perugia con mille spettatori al Comunale. Dalla Regione ok e disposizioni

Matteo Poggesi
  • a
  • a
  • a

Derby con vista dalla tribuna, ufficiale l’ingresso consentito a mille tifosi per Arezzo-Perugia. Colpo di scena nella saga sulla riapertura al pubblico del “Città di Arezzo”. Se ai segnali positivi di giovedì scorso era susseguito un momentaneo pessimismo, adesso è addirittura ufficiale l’ok per un parziale ritorno del pubblico già a partire dal derbissimo contro il Perugia di lunedì 5 ottobre 2020. Il Gruppo Operativo di Sicurezza, durante la riunione di mercoledì pomeriggio, aveva attentamente analizzato la situazione ma l’ufficialità è stata data dalla Regione Toscana ieri alle 15 con una nota nella quale ha annunciato la riapertura parziale degli impianti sportivi a norma sul territorio regionale, fino ad un quarto della capienza che non potrà comunque superare quota mille presenti. I tagliandi per Arezzo-Perugia saranno acquistabili soltanto in prevendita ed obbligatoriamente online per evitare assembramenti alle biglietterie nel giorno della partita (le quali resteranno chiuse lunedì sera). Coloro che non riusciranno ad accaparrarsi il ticket nominale potranno comunque assistere al match in televisione poiché sarà trasmesso in diretta su Rai Sport a partire dalle 20.45 (orario per cui è fissato il fischio d’inizio). Gli altri che avranno la fortuna di varcare i cancelli e vivere dal vivo il clima derby saranno suddivisi tra Tribuna e Curva: 500 persone occuperanno la Curva Sud mentre in Tribuna ce ne saranno 430 tra sostenitori e dirigenti, gli ultimi 70 posti saranno invece riservati ai perugini in Curva Ospiti.
I mille presenti potranno recarsi allo stadio almeno un’ora e mezzo prima del via, infatti, l’impianto dovrà essere aperto con largo anticipo. Alle regole sulla suddivisione del pubblico si aggiungeranno quelle che gli stessi spettatori dovranno rispettare, quali, obbligo di mantenere il distanziamento in tutti gli spazi, indossare la mascherina e divieto di muoversi dal posto assegnato sugli spalti. E dunque tutti felici e contenti? Assolutamente no perchè un problema è sorto ed è stato evidenziato da Orgoglio Amaranto con un comunicato che può essere riassunto più o meno così: “Cosa succederà a coloro che hanno sottoscritto pre-abbonamenti ed a coloro che erano abbonati nello scorso campionato?”Infatti, la vendita esclusivamente online non permetterà nessun filtro a favore di queste due categorie e per tale motivo Orgoglio ha già fissato per il 6 ottobre un incontro con i vertici della società per trovare una soluzione fin dalla prossima partita casalinga a tutela di quei tifosi che sono sempre stati al fianco del Cavallino. 

Intanto il mercato va avanti e il portiere Marco Pissardo andrà al Lecco. 
Mentre tutti i tifosi sono concentrati sul derbissimo dell’Arezzo contro il Perugia e soprattutto sull’improvvisa possibilità di tornare allo stadio, c’è chi se ne va.
Infatti è cosa fatta la trattativa per il trasferimento al Lecco del portiere Marco Pissardo. 
Il classe 1998, ex Inter, nelle prossime ore tornerà infatti in Lombardia e la panchina che mister Potenza gli ha riservato nella gara contro la Cremonese è un segnale di ulteriore conferma su quanto Arezzo e Lecco siano vicinissime a trovare l’accordo.
L’incontro di Coppa contro la Cremonese infatti ha permesso di evidenziare e immaginare quello che sarà l’assetto futuro della squadra.