Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, Coronavirus: mascherine e affollamenti, controlli e multe. Movida, locali, scuole, bus, treni: vigilanza serrata

Anna Palombi, prefetto di Arezzo

  • a
  • a
  • a

Coronavirus, controlli di polizia stringenti e mirati per il rispetto delle misure anti Covid ad Arezzo e in provincia. La prefettura ha attuato un giro di vite, in coincidenza con la fase attuale, molto delicata, che registra il sensibile aumento dei contagi: è la temuta seconda ondata, che deve essere contenuta per non tornare ai livelli del lockdown.

Vietati gli assembramenti delle persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico, rispetto della distanza di sicurezza interpersonale, obbligo di usare le mascherine a protezione delle vie respiratorie nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico, diversi dalle abitazioni private, e in tutti i luoghi all’aperto, come previsto dal decreto legge n.125/2020 entrato in vigore oggi giovedì 8 ottobre. Queste le linee guida fissate dal prefetto Anna Palombi, che ha riunito il Comitato sicurezza e ordine pubblico.

 E da subito scattano controlli delle forze di polizia, polizia locale e polizia provinciale per il rispetto delle restrizioni. Dovranno essere concentrati, si legge in una nota della prefettura, nelle zone della movida ed in quelle aree della città dove si riscontrano maggiori affollamenti delle persone nonché presso i locali pubblici al fine di verificare che i gestori garantiscano il rispetto delle norme anti-covid. 

Particolare attenzione dovrà essere dedicata nell’applicare, nei confronti dei trasgressori, le sanzioni pecuniarie previste per le violazioni delle suddette misure. 

E’ stato deciso anche un rafforzamento dei controlli in prossimità delle scuole e presso le fermate del servizio di trasporto pubblico locale, nelle fasce orarie e nei punti ove si registra una più intensa concentrazione di utenti. 

Apposita circolare, riporta ancora la nota della prefettura, verrà diramata a tutti i Sindaci della provincia affinché anche presso tutti gli altri comuni del territorio venga garantita la massima vigilanza delle misure anti-covid.

Il Prefetto fa appello al senso civico di tutta la popolazione della provincia per il determinante contributo che i cittadini devono fornire per la concreta attuazione delle misure di contrasto e contenimento della pandemia.