Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, un punto in quattro partite e i tifosi alla società: "Senza cuore e grinta. Chi di dovere intervenga"

Federica Guerri
  • a
  • a
  • a

Crescono i malumori nella piazza. Nella giornata di ieri fuori dallo stadio Comunale è apparso uno striscione con scritto: “Partite senza grinta, cuore e determinazione. Chi di dovere risolva la questione”.
La stoccata, a firma dei gruppi organizzati della Curva Sud, evidenzia tutto il malcontento dei tifosi dopo le quattro partite di campionato nelle quali l’Arezzo ha raccolto un solo punto, esploso prepotentemente dopo il pesante 3-0 casalingo contro il Verona. Nell’ambiente già si rincorrono le voci di un avvicendamento in panchina anche se la società smentisce. Il presidente Monaco, lunedì, ha detto di confermare la fiducia a Potenza. Panchina che non traballa, dunque, almeno fino al prossimo appuntamento di domenica contro il Carpi nel quale l’Arezzo è chiamato a vincere in ogni modo per scacciare i fantasmi e non acuire la crisi.
Partita che aprirà un nuovo tour de force che vedrà il Cavallino impegnato mercoledì 21 in casa contro il Padova e poi domenica 25 in trasferta a Macerata contro il Matelica. Intanto la società continua a guardarsi intorno in cerca di rinforzi. C'è da sistemare in particolare il reparto difensivo nel quale manca un giocatore di spessore in grado di spostare gli equilibri ed evitare gli errori che hanno portato la squadra a subire in questo avvio di campionato. Il presidente Monaco aveva detto che Muzzi e Di Bari si sono buttati a capofitto sulla lista degli svincolati per trovare un profilo che possa fare al caso dell’Arezzo, ma adesso, a mercato chiuso, pescando solo tra gli svincolati, la situazione è più complicata rispetto a qualche settimana fa. C'è da dire che gli amaranto hanno ancora un'ottima carta da giocarsi che risponde al nome di Alessio Cerci. L’attaccante sceso dalla B e con trascorsi importanti in serie A si sta allenando con il gruppo e domenica potrebbe già essere tra i convocati almeno per la panchina in attesa di trovare la migliore condizione per fare la differenza in questo campionato. Intanto la squadra continua a lavorare. Dopo la seduta di ieri a ceciliano, oggi e domani la squadra si allenerà di mattina a Palazzo del Pero. La seduta di domani si svolgerà a porte chiuse, poi la squadra partirà alla volta di Carpi dove domenica alle 15 si scenderà in campo contro la formazione di mister Pochesci. Il Carpi con 7 punti in classifica occupa la sesta posizione di classifica frutto di due vittorie e un pareggio. Nell’ultimo turno contro l’Imolese è arrivata la prima sconfitta, ragion per cui la squadra vorrà riprendere subito la marcia.