Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, la mostra di Vittorio Sgarbi fa discutere a Castiglion Fiorentino. Domenico Nucci: "Non diamogli le chiese"

Piero Rossi
  • a
  • a
  • a

Ad ancora due mesi dalla inaugurazione, annunciata dal Comune di Castiglion Fiorentino per il 12 dicembre, già si registrano perplessità e prese di posizione contrarie alla location castiglionese della mostra “I Mille di Sgarbi”. L'esposizione sarà allestita in alcune chiese castiglionesi abitualmente non officiate, ovvero alla Buona Morte, al Cassero, a San Filippo al Collegio e alle Santucce. Dopo l'interrogazione della minoranza (Città al Centro) nell'ultima seduta del Consiglio Comunale, arriva una nota di Domenico Nucci, che nel parlamentino castiglionese era all'opposizione quando ancora amministrava la sinistra ed è stato anche candidato sindaco in passato con la lista Senza Partiti. Scrive l'avvocato Nucci: “A Castiglion Fiorentino vogliono allestire una grande mostra collettiva d'arte che porterà nei luoghi storici e religiosi molte opere di artisti selezionate da Vittorio Sgarbi e il cui titolo è "I mille di Sgarbi, lo Stato dell'Arte Contemporanea in Italia". Dubito fortemente che arriveranno in paese opere in grado di rappresentare lo stato dell'arte contemporanea in Italia ma la cosa insopportabile è che sia Sgarbi a indicarle”. Continua l'avvocato Nucci: “La mostra che dovrebbe avere inizio il 12 dicembre vorrebbe rimanere a Castiglioni fino a marzo 2021. Noi potremmo anche immolarci e quindi sacrificarci per tre mesi ma le nostre chiese no. Infatti grande parte delle opere saranno ospitate nelle chiese e strutture religiose. Sgarbi è la persona meno adatta a organizzare una mostra così. A noi non interessano le sue urla, le sue uscite, e quindi la mostra non si deve fare”.
“Può andare altrove - continua Nucci - e molti lo applaudiranno ma a Castiglioni no. Per questo motivo – conclude Domenico Nucci - è giusta la raccolta firme per impedire la mostra e per convincere Sgarbi ad andare da un'altra parte, se gli abitanti lo vorranno.”.
E' noto che Vittorio Sgarbi è un habituè di Castiglion Fiorentino. Una vecchia amicizia lo lega infatti al sindaco Mario Agnelli, che lo ha condotto spesso nelle nostre chiese e nei nostri musei. Abbiamo contattato il primo cittadino, che non si è detto interessato ad una polemica sull'argomento ed ha dichiarato: “Sicuramente ci sarà chi è favorevole e chi è contrario alla mostra, così come a Sgarbi. Da parte nostra abbiamo avuto fin qui riscontri favorevoli, gente che ci chiama anche da fuori per avere ragguagli sulla mostra. L'iniziativa forse non porterà grandi vantaggi al paese dal punto di vista culturale, turistico, economico, ma io penso che male non farà”.