Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morti senza funerale durante il lockdown, il comune di Castiglion Fiorentino appone lapide con i loro nomi

  • a
  • a
  • a

Morti senza funerale durante i mesi del lockdown, ora il Comune appone una lapide a perenne memoria. L'iniziativa è dell'amministrazione comunale di Castiglion Fiorentino e il marmo è stato collocato all'ingresso del cimitero comunale.
“A perenne ricordo dei miei concittadini defunti da marzo ad aprile di quest'anno a cui non fu possibile celebrare neanche i funerali e per i quali non furono affissi neanche i manifesti funebri a causa del lockdown ho deciso di dedicare loro una lapide all'ingresso del Cimitero del Capoluogo. Mi auguro fortemente che non sia più riproponibile una misura restrittiva del genere, disposta da qualunque Presidente del Consiglio o Governatore di turno. L'estremo saluto ai nostri cari rivolto in qualunque forma è un diritto di cui nessuno ci dovrà privare”. Così il sindaco Mario Agnelli si è espresso davanti alla lapide con i nomi delle diciotto persone decedute durante il blocco pandemico. 
Come noto, durante il lockdown tra le norme imposte per contenere i contagi da Covid-19 non è stato possibile effettuare cerimonie funebri. Per questo motivo, “avvicinandosi alla commemorazione dei defunti” continua il sindaco Agnelli “ci è sembrato giusto e doveroso ricordare questi cittadini che non hanno potuto avere esequie. Mi auguro che una situazione del genere non si ripeta. Penso che privare le famiglie di questa possibilità sia stato lesivo anche della dignità delle persone. A perenne memoria abbiamo realizzato questa simbolica lapide per ricordarle, visto, tra l’altro, che al tempo non erano consentite nemmeno le affissioni”. 
Nei mesi scorsi il sindaco, in accordo con i parroci, aveva firmato un’apposita ordinanza nella quale venivano indicate le chiese più capienti e gli spazi aperti più idonei dove poter celebrare i funerali religiosi al fine di renderli sempre e comunque possibili. 
Una lapide a perenne memoria delle 18 persone morte durante il lockdown dei mesi di marzo e aprile.