Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, cassette di pronto soccorso meccanico per chi va in bicicletta dislocate sul territorio: l'idea a Sansepolcro

Davide Gambacci
  • a
  • a
  • a

Una serie di “Help Point” a disposizione dei ciclisti dislocati nel territorio comunale di Sansepolcro. Si tratta di piccole cassette di “Pronto Soccorso Meccanico” per gli amanti della bicicletta. È l’idea avuta e poi messa in piedi dal biturgense Francesco Ferruzzi, titolare di un negozio ubicato nella zona industriale di Santafiora.

“Mai come in questo momento la bici può aiutarci a scaricare le tensioni del quotidiano – afferma Ferruzzi – e proprio per questo ho costruito e installato cassette di “pronto soccorso” a disposizione di tutti coloro che potrebbero averne bisogno: sono sei al momento, distribuite in punti strategici del territorio biturgense. All’interno è presente tutto ciò che può essere utile per il rientro a casa in caso di guasto o foratura del proprio mezzo a due ruote”.

Un’idea, quindi, nata in un periodo dell’anno decisamente delicato: in piena pandemia legata all’emergenza Covid-19 e quando la Regione Toscana è stata classificata come “zona rossa”; ovvero, ad alto rischio. “L’idea è nata durante le vacanze in Trentino con la mia famiglia – prosegue Francesco Ferruzzi – soprattutto in inverno, guardando gli ‘Ski Point’: in pratica quelle postazioni, principalmente a ridosso dei rifugi, nei quali si trovano serie di cacciaviti per sistemare il proprio sci o scarpone in caso di necessità. Perché, quindi, mi son detto non fare qualcosa anche per le bici?

Ed ecco che è nata l’idea poi messa in pratica durante il weekend quando ho provveduto all’installazione. Andare in giro per l’Italia, ma non solo, è davvero una ‘cucina di idee’. All’interno delle cassette è possibile trovare le tre misure di camera d’aria; quindi, per il cerchio da 26’, da 27,5’ e da 29 con al fianco pure la pompetta manuale per gonfiare la gomma. Inoltre è presente del nastro isolante, set di brugole, pinze, doppio cacciavite e le false maglie per le catene delle varie velocità”.

Questi sono i sei punti dove sono stati installati gli “Help Point”: il negozio Bike Works, Pian della Capanna, La Spinella, Fattoria di Germagnano, La Montagna e nella zona di Vesina. Tutte zone, queste, attraversate anche dal tracciato dei Cammini di Francesco che, oltre a piedi e a cavallo, è possibile percorrere anche in sella alla bicicletta.

“E’ una piccola risorsa a disposizione di tutti e della quale tutti dovremmo esserne custodi – sottolinea l’ideatore, Francesco Ferruzzi – per ogni necessità all’interno delle cassette sono presenti anche delle istruzioni. Questo mio progetto è stato fatto anche per senso civico, con la speranza che in primis venga apprezzato ma al tempo stesso pure mantenuto. In questo momento tanta gente va in bici, ma c’è anche tanta gente che è alla prime armi e quindi non sempre porta con se le dotazioni essenziali. Ci sono ovviamente ancora dei buoni margini per poterlo migliorare, forse estendendo il progetto anche ad altri Comuni della Valtiberina: io, per il momento, ho messo il coraggio in questo periodo sicuramente non dei migliori”.