Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, task force per Natale: 80 vigili urbani

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Se la task force delle forze dell’ordine c’è sempre stata ad ogni festività, quest’anno assume un significato più forte, considerato che dal 21 di dicembre fino al 6 di gennaio, scatteranno ulteriori restrizioni per le feste di Natale e Capodanno. Se nei prossimi giorni ci sarà una riunione in Prefettura insieme a Carabinieri, Polizia e Municipale, quest’ultima ha già cominciato a disegnare i turni che accompagneranno gli aretini durante Natale, Santo Stefano e il Primo di gennaio. “I giorni più critici - sottolinea il comandante Aldo Poponcini - sono il 25 dicembre e il Primo di gennaio. Sono quelli che richiedono più uomini sul campo. Saranno infatti 25-27 unità gli agenti impegnati nelle due giornate con orari che coprono tutta la giornata. Non è escluso che lo stesso carico di personale ci sia anche nella giornata di Santo Stefano”. Accanto a questi ci sono altri due giorni critici. “La vigilia di Natale - spiega ancora il comandante Poponcini - e quella di Capodanno, vale a dire il 31 dicembre. Qua il servizio sarà soprattutto la sera dalle 19 fino all’una del mattino il 24 dicembre e dalle 19 fino alle 3 del mattino il 31 dicembre. Per queste due giornate abbiamo messo in campo dalle 8 unità per Natale alle 12 per l’ultimo dell’anno”. In totale dunque saranno all’incirca 80 sui 94 in totale, gli agenti impegnati in queste festività che prevedono ancora il coprifuoco fino alle 5 e fino alle 7 del mattino a Capodanno e lo stop agli spostamenti in tutta Italia dal 21 dicembre al 6 gennaio. Ma sull’aspetto del coprifuoco, anche l’ultimo sabato prima del ritorno in zona arancione per la Toscana, è stato abbastanza movimentato per gli agenti della Municipale. “Ci sono ancora troppe persone in giro per la città senza motivo dopo le 22 - dice il comandante Poponcini - Anche sabato scorso abbiamo elevato diverse contravvenzioni proprio a causa di questo. Ancora purtroppo in tanti non hanno capito che dobbiamo restare a casa e che soprattutto dobbiamo indossare le mascherine quando andiamo in giro e soprattutto chi esce di casa dopo le 22 deve avere un motivo valido di salute o di lavoro, non si può andare a trovare gli amici”. Resta in vigore anche in zona arancione il coprifuoco delle 22. Nei prossimi giorni dunque riunione in Prfettura per conoscere tutta la task force in vista di queste festività di Natale. 
“L’importante - conclude il comandante Poponcini - è rispettare gli orari, le regole e sempre indossare la mascherina per non incorrere nelle multe, ma soprattutto è l’unico modo che abbiamo per proteggersi dal virus”.