Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Aretino dell'anno, chi sono i 22 candidati. I lettori del Corriere di Arezzo scelgono il personaggio del 2020

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Lo hanno definito il peggior anno di sempre. Di sicuro il 2020 non vediamo l’ora di superarlo. Ha messo a dura prova (e sta mettendo) il mondo intero, le nostre comunità, ognuno di noi. Ha demolito certezze, distribuito sofferenza, tolto libertà. E ci siamo ancora impantanati. Sappiamo cosa c’era prima del Covid ma non sappiamo quando e come sarà il “dopo”. Scegliere insieme ai lettori l’Aretino dell’anno non è però un esercizio fuori logica.

Le persone, anzi, danno il meglio di sé proprio nelle avversità. Quindi ecco la decima edizione dell’iniziativa che, con semplicità, vuol aprire un dialogo tra il Corriere di Arezzo e gli aretini per ripensare a questo anno sciagurato e indicare le figure più rappresentative di ciò che di buono, nonostante tutto, c’è. E alla fine individuare il migliore.

Si inizia oggi con i 22 nomi proposti dalla redazione, una griglia che può essere modificata con le vostre “nomination” da inoltrare fino a sabato per mail ([email protected]). In base al gradimento avrà poi forma definitiva il gruppo di 20 sui quali esprimere il consenso con modalità e tempi che saranno spiegati sul giornale. Si voterà con e-mail e clic sul sito corrierediarezzo.it Sul Corriere del 27 dicembre il risultato. Ecco i 22 in campo tratti dalla quotidianità della vita aretina.


Severino Baldi.  Musicista, anima di “Per amore della musica”: le band aretine unite per la solidarietà.
Luca Benvenuti. Amministratore di Chimet e Unoaerre, ma candidato per il Tennis Giotto, di cui è presidente. Nonostante la pandemia, primo circolo della Toscana, 17° in Italia.<CF1403>
Ginevra e Letizia Bindi. Le sorelle ginnaste, unite nella difficoltà, nell'impegno sportivo e nella crescita. Esempio di determinazione per tutti: oltre le avversità del problema di salute che a inizio anno ha toccato Letizia. 
Riccardo Boricchi. Patron dell’Arezzo International Horse di San Zeno che porta avanti eventi ippici di rilievo.
Sandra Capogreco. Con Enpa sempre in prima linea dalla parte degli animali.
Angelo Caramazza. Tra le vittime di Banca Etruria, non ha saltato una udienza dei processi come parte civile.
Mauro Castelli. Presidente della Sba (Scuola Basket Arezzo): oltre ai risultati sportivi ha realizzato il campo di playground.
Maurizio Fazzuoli. Ristoratore, ha vinto in tv nel programma 4 Ristoranti di Borghese.
Andrea Franceschetti. Giovane e creativo prof, il presidente Mattarella gli ha scritto per complimentarsi della canzone sulla “maturità”.
Giordana Giordini. Imprenditrice orafa, presidente di Federorafi, ha tenuto alta la voce del settore così provato dal difficile momento.
Giovanni Grasso. Presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche, voce degli operatori sanitari alle prese con l'emergenza.
Piero Iacomoni. Imprenditore che ha vissuto sulla pelle il Covid: tra iniziative benefiche e accordo d’affari con Chiara Ferragni. 
Filippo Niccolai. Maratoneta, ha usato il garage nel lockdown per la sua impresa.
Paolo Nocentini.  Presidente di Correr Giostra, sito web-scrigno di notizie e super archivio del Saracino.
Niccolò Pagliardini. Tra i migliori tre arbitri di calcio della serie B, promosso in serie A.
Aldo Poponcini. Diventato comandante della Polizia Municipale di Arezzo dopo lunga esperienza sul campo, alle prese con la situazione complessa del Covid.
Don Adriano Ralli. Parroco di Castiglion Fibocchi, prima di Pasqua dette l'acqua santa dall'Ape.
Cristiano Romani. Con l'Associazione cultura nazionale porta in città personaggi e organizza dibattiti.
Don Marco Salvi. Da Anghiari a vescovo ausiliare a Perugia, anche lui colpito dal Covid, il papa gli ha telefonato per sapere le condizioni del cardinale Bassetti contagiato seriamente dal virus.
Alberto Santucci. Sindaco di Badia Tedalda precursore dello screening di massa.
Giancarlo Sassoli. Presidente del Calcit che anche nella pandemia resta colonna a supporto della sanità aretina.
Danilo Tacconi. Medico, primario di Malattie Infettive, in rappresentanza di tutti i nostri medici, dirigenti Asl e operatori sanitari. 


ALBO D’ORO
2011 Roberto Fiorini, Giardino delle Idee; 2012 Umberto Zerbini, Arezzo Football Academy; 2013 Pasquale Giuseppe Macrì, cultura; 2014 Mario Agnelli, sindaco Castiglion Fiorentino; 2015 Angiolo Tavanti, Cinghialai Calcit: 2016 Pier Luigi Rossi, Fraternita dei Laici; 2017 Grabriele Minelli, motociclista; 2018 Andrea Bartemucci, ciclista estremo; 2019 Rossano Tacconi, musicista.