Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio, al Comunale l'Arezzo riceve il Fano ed è una sfida salvezza. Camplone chiede "cattiveria e attenzione"

Federica Guerri
  • a
  • a
  • a

]Nuovo appuntamento infrasettimanale per l’Arezzo di mister Camplone che affronta il Fano per l’ultimo dei recuperi delle gare rinviate causa Covid. Il tecnico dovrà fare a meno di Cherubin fermo ai box per un infortunio muscolare mentre recupera Kodr per la difesa. Anche Pesenti non sarà della partita. Probabile un ritorno al 4-3-3. Per il Cavallino quello di oggi è un appuntamento da non fallire contro una diretta concorrente in ottica salvezza. Il Fano con dieci punti dista tre lunghezze dagli amaranto che hanno l’occasione di restare agganciate al gruppetto senza ampliare troppo le distanze. “Non possiamo giocare in difesa – attacca il tecnico amaranto alla vigilia – il Fano sicuramente non verrà a fare barricate, conosco il loro mister e non è uno che ne fa, sono bravi a chiudere bene tutti gli spazi ma noi siamo costretti a fare punti. Dovremo essere attenti e concentrati“. Qualche dubbio sulla formazione con capitan Cutolo che dovrebbe però essere in campo dall’inizio. “Sia Cutolo, sia Cerci – commenta Camplone – non hanno i novanta minuti sulle gambe per cui è probabile una staffetta tra i due, ma potrebbero anche partire insieme. Ad oggi non so che formazione sceglierò, vedrò domani (oggi, ndr). Contro il Modena al di là del risultato abbiamo fatto una buonissima gara, purtroppo però davanti siamo sterili, ci manca qualcuno che butti la palla dentro. Domenica abbiamo creato molte più palle gol ma non siamo riusciti a finalizzare, le occasioni però le abbiamo avute, serve più peso davanti e in questo momento non è facile.Qualche novità ci sarà“. Ma ciò che più serve per battere il Fano sono grinta e determinazione. “Ci vuole cattiveria – prosegue - specialmente quando ti trovi sotto. Dobbiamo essere più cattivi, attenti, sul pezzo. Abbiamo davanti tre partite contro tre dirette concorrenti e dobbiamo fare di tutto per avvicinarci al gruppone, altrimenti sarà molto dura. Dobbiamo scendere in campo con la testa giusta e la voglia di portare a casa il risultato, se facciamo il risultato spariscono sia la stanchezza fisica, sia la stanchezza mentale”. Camplone potrebbe tornare al 4-3-3 con Sala tra i pali, Luciani, Borghini, uno tra Kodr e Baldan e Benucci in difesa, Di Paolantonio, Arini e Bortolotti a centrocampo e davanti il tridente Zuppel, Cutolo, Belloni. 
Il Fano dovrebbe rispondere con il 4-3-1-2 con Meli in porta, Cargnelutti, Zigrossi, Paolini e Baldini in difesa, Amadio, Ferrara e Marino a ce