Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, rubano l'identità del dottor Pier Luigi Rossi per piazzare diete truffa su internet. "Non cadete nell'inganno"

Alessandro Bindi
  • a
  • a
  • a

Ancora un furto d’identità per Pier Luigi Rossi. Sul web c’è chi approfitta della sua fama, della sua professionalità e autorevolezza conquistata in oltre 40 anni di carriera, per promuovere prodotti dimagranti all’insaputa del noto e apprezzato medico, primo rettore della Fraternita dei Laici. 

L’ultima fasulla promozione associa il volto del medico aretino a una rapida azione di dimagrimento fino a 37 chili senza limiti di età, al fine di rendere più credibile un’operazione truffaldina. 
In un anno è già il terzo episodio di usurpazione dell’immagine professionale subita dal dottor Rossi. Il secondo susseguitosi nell’arco di due settimane. 
Il primo caso invece a marzo in pieno lockdown. “Ho fatto denuncia tramite il mio legale alla Procura per usurpazione di immagine[TESTO]”, spiega il professor Pier Luigi Rossi[/TESTO]. “È la terza in questo 2020. La Polizia Postale si è attivata per capire da dove parte la truffa”. 

Non sarà facile risalire ai responsabili. “A marzo gli investigatori” spiega Pier Luigi Rossi “sono risaliti a un sito russo che arrivava in Italia attraverso il Canada. L’episodio di due settimane fa invece ha portato al Mali in Africa e a Panama. Sono società estere che si formano e decadono in pochi giorni rendendo difficoltoso l’individuazione dei responsabili. Adesso chiedo a coloro che dovessero ricevere questi inviti con la mia immagine di inviarmi il link in modo da trasmetterlo alla Polizia di Stato. È evidente che sono tentativi di usurpazione della mia immagine professionale per riuscire a vendere prodotti finalizzati al dimagrimento”. Il dottor Rossi ignaro, ci tiene a precisare la sua completa estraneità. Probabilmente c’è chi ha fatto un’indagine di mercato ed ha individuato nel dottor Rossi un testimonial credibile in tema di educazione alimentare, per poi sfruttare la sua immagine a fini di lucro. Il medico aretino, figura di riferimento nella scienza dell’alimentazione, gode di una fama internazionale costruita seriamente per una vita dedicando la sua attività ai corretti stili di vita ed educazione alimentare. Un personaggio pubblico e anche un volto della tv nazionale dove per anni ha partecipato a trasmissioni televisive della Rai. Attivo sui social a più profili seguiti da 80mila persone ai quali mai suggerirebbe facili dimagrimenti. 

“Non cadete nella trappola dei facili dimagrimenti. La mia professionalità non può dare indicazioni per comprare un prodotto e dimagrire 12 o 24 chili e addirittura 37 chili in modo rapido e a qualunque età come recita l’ultima campagna promozionale alla quale è stato associato il mio volto e la mia onorabilità”. 

Per fortuna chi conosce Rossi sa che non sono consigli di un medico professionista. “Sono impegnato a sensibilizzare corretti stili di vita e l’educazione alimentare” puntualizza Rossi “ed adesso mi trovo ripetutamente immischiato in un’operazione di marketing fasulla e inattendibile. Ho ricevuto attestati di rispetto e stima da tutta Italia ma non trovo giusto che ci sia chi approfitta di 40 anni del mio serio lavoro durante il quale ho affermato la mia immagine per sensibilizzare una nutrizione sana e un corretto stile di vita, per operazioni contrarie proprio a quella che giudico una scelta di alimentazione consapevole per conoscere bene gli effetti che il cibo ha nel nostro fisico. Da 40 anni ho sempre impostato la linea non sul dimagrimento ma sulla salute. Un percorso professionale che mi ha dato tante soddisfazione e adesso mi trovo a mia insaputa davanti a un’operazione commerciale che tra l’altro mi discredita. Ho sempre promosso la salute e non tanto il dimagrimento fino a se stesso che considero gossip. Spero che questi furti d’identità finiscano”.