Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio, l'Arezzo in trasferta affronta il Pesaro dell'ex Di Donato. Camplone: "Non faremo barricate"

Federica Guerri
  • a
  • a
  • a

Penultimo appuntamento dell’anno solare per l’Arezzo impegnato oggi alle 15.00 in trasferta sul campo della Vis Pesaro dell’ex allenatore Daniele Di Donato. Mister Camplone dovrà fare a meno di Cherubin che si è fermato durante la rifinitura di ieri mattina. Assente anche Pesenti alle prese con l’infortunio al ginocchio.

Il tecnico amaranto dovrebbe scegliere di nuovo la difesa a tre già vista in campo contro il Fano: “Al momento è il modulo che ci dà più sicurezza – commenta l’allenatore - possiamo spingere di più con gli esterni, abbiamo più garanzie”. E l’aspettativa del mister è quella di dare continuità a quanto visto mercoledì nel turno infrasettimanale contro il Fano.

“Rispetto alle altre partite abbiamo osato di più – conferma Camplone – purtroppo non riusciamo ad essere troppo pericolosi in questo momento, non siamo ancora una squadra che garantisce predominio in mezzo al campo e pressione per tutta la partita, stiamo cercando di limitare i danni e quindi sia di testa che di gambe stiamo accusando qualcosa. Però mercoledì scorso siamo partiti col piede giusto e contro il Pesaro dobbiamo fare altrettanto”.

Il Pesaro ha 15 punti in classifica ma tra le mura amiche ha un ruolino molto più positivo che in trasferta. “Incontriamo una squadra che gioca a calcio – conferma il tecnico Camplone – una squadra veloce, aggressiva, che in casa si fa rispettare, dunque non credo che potremo fare tanto gli attendisti. Se noi ribattiamo colpo su colpo possiamo tenergli testa. Non andremo a fare barricate, non ne siamo capaci. Loro - riprende il mister - attaccano molto bene, in profondità, hanno un buon fraseggio, impostano da dietro, noi dovremo essere bravi a sfruttare gli spazi che ci lasciano. Hanno una mentalità sbarazzina, si divertono, se lo possono permettere. E’ la mentalità che piace a me, ma noi dobbiamo stare attenti a non prenderle e dobbiamo fare gol”.

Nel 3-4-3 di Camplone Sala andrà in porta con Borghini, Kodr e Baldan in difesa, Luciani e Benucci rispettivamente a destra e sinistra a centrocampo con Arini e Di Paolantonio in mezzo e davanti a formare il tridente Cutolo, Di Nardo (o Zuppel) e Belloni. Di Donato dovrebbe rispondere col 4-3-3 con Bastianello in porta, Nava, Gennari, Farabegoli e Stramaccioni nel reparto arretrato, D’Eramo, Gelonese e Di Paola in mediana e De Feo, Cannavò e Lazzari in attacco.