Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino nelle Rsa aretine: mercoledì 30 dicembre la partenza. Ecco il calendario delle strutture

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

"Martedì 30 dicembre cominciamo a fare i vaccini agli ospiti delle Rsa”. Ad annunciarlo è il direttore del distretto sanitario di Arezzo, Casentino e Valtiberina, dottor Evaristo Giglio. “Duecento dosi di vaccino che saranno distribuite - spiega ancora - per il momento, tra cinque Rsa”. Ecco il calendario: “Ad inaugurare sarà la Rsa Boschi di Subbiano il 30 dicembre. Poi il 31 dicembre andremo alla Rsa Pionta ad Arezzo. Le vaccinazioni riprenderanno domenica 3 gennaio alla Rsa di Pieve Santo Stefano, il 4 alla Rsa di San Lorenzo a Sansepolcro e infine, ma solo per il momento, il 5 alla Rsa di Anghiari”. All’incirca duecento dosi del vaccino Pfizer che saranno riservate solo agli ospiti delle Rsa. “Il personale - specifica ancora Giglio - sarà vaccinato insieme a tutti gli operatori sanitari”. Un lavoro di squadra che è appena cominciato. Il dottor Giglio solo ieri è riuscito a tirare il fiato dopo una settimana dove non c’è stato un attimo di respiro. L’arrivo del vaccino ha costretto infatti il personale medico e infermieristico ad ulteriori tour de force e a lavorare sia a Natale che a Santo Stefano perché chi inietterà le due dosi dovrà essere preparato. In queste ore gli infermieri hanno imparato a somministrare e a trattare il vaccino che arriva dentro contenitori che hanno una temperatura di meno ottanta gradi centigradi. Ad iniettarlo saranno le Usca (Unità Speciali di Continuità assistenziale) insieme agli infermieri del territorio. “Ogni ospite delle Rsa - spiega ancora il dottor Giglio - firmerà un consenso al vaccino. Lui o il suo tutore. Si tratta di riempire dei moduli ministeriali”. Il vaccino infatti è su base volontaria e non obbligatoria. “Abbiamo voluto cominciare prima della fine dell’anno”, spiega il direttore del distretto sanitario. Le stesse parole che aveva usato anche il direttore generale della Asl, Antonio D’Urso durante il V-Day. “Vogliamo iniziare con le Rsa e dare agli anziani la priorità assoluta e se riusciamo, cominceremo le vaccinazioni dentro le Rsa prima della fine dell’anno”.  Il calendario poi proseguirà nei primi giorni del 2021 con le altre Rsa della zona.  Tra queste anche Badia Tedalda. Oggi, martedì 29 dicembre, è atteso il secondo carico del vaccino Pfizer. Proprio dal 29 dicembre il piano di distribuzione per l’Italia prevede 450-470mila dosi a settimana. Queste saranno poi distribuite alle Regioni che hanno già individuato le priorità. La Toscana, appunto, in cima alla lista ha messo gli ospiti delle Rsa. Il piano delle vaccinazioni poi prosegue con gli operatori sanitari che si sono prenotati nei giorni scorsi sul sito della Regione e che effettueranno il vaccino presso l’ospedale San Donato di Arezzo. “Secondo il commissario di Governo per l’emergenza, Domenico Arcuri - sottolinea sempre il direttore generale, Antonio D’Urso - entro l’estate dovremmo essere vaccinati tutti”. E’ cominciata dunque la lotta contro il Covid, anche se la raccomandazione è sempre la stessa: non abbassare la guardia. E quindi mascherine, gel per le mani e distanziamento sociale, come ha ricordato l’assessore regionale Bezzini: “Dobbiamo scongiurare una terza ondata, perché potrebbe interferire con la campagna di vaccinazione”. Quindi ancora tanta prudenza da parte di tutti.