Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Arezzo: netto aumento di casi nella prima settimana 2021, vaccinazione in corso, attesa per la zona della Toscana

  • a
  • a
  • a

La prima settimana del 2021 ad Arezzo e provincia ha fatto registrare un netto aumento di casi. Una media di 44,2 al giorno contro la media di 32,14 dell'ultima settimana del 2020. Le precedenti settimane del mese di dicembre registravano una media di casi giornalieri di 26 unità.

L'incremento in atto è evidente. Situazione viene tenuta sotto osservazione. Certamente il dato degli attualmente positivi è assai ridimensionato rispetto a quello di novembre, oggi tra 700 e 800 persone, all'ora oltre 2.500. Come pure la Terapia intensiva, uno degli indicatori principali per descrivere la situazione dell'emergenza, risulta in questi giorni sotto controllo: nell'ultima settimana una media di 15 ricoverati rispetto ai 17 di due settimane fa. E a novembre i malati più gravi erano arrivati a saturare l'ospedale San Donato, con 22 posti letto, e altri 6 nel modulo attivato a Nottola. In crescita i degenti dei reparti in bolla Covid. Si riduce il numero di decessi, dai 7 di tre settimane fa ai 2 della prima settimana del nuovo anno. Da inizio pandemia superati, secondo la Regione, i 220 morti nell'Aretino.

La somministrazione dei vaccini procede. A ieri, giovedì 7 gennaio, in Toscana le dosi inoculate erano state 31.064 (5.962 nelle Rsa). Ad Arezzo 2.421 (629 nelle Rsa) secondo i dati riportati dal sito della Regione. Arrivata la seconda scorta di siero e attività che procede.

Attesa per le decisioni, previste oggi, sulla classificazione delle regioni italiane a partire da lunedì 11 gennaio, quando è prevista anche la riapertura, al 50% delle presenze, delle scuole superiori. La zona gialla (anche oggi in corso seppur rafforzata), secondo il governatore Eugenio Giani sarebbe quella dovuta alla Toscana in base a parametri su positivi, ricoverati e indice di contagio Rt. Intanto domani e domenica zona arancione.