Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Iniziato il fine settimana in zona arancione poi da lunedì scatta la zona gialla: cosa si può fare e no in Toscana

  • a
  • a
  • a

E' cominciato il fine settimana in arancione con le restrizioni valide sabato 9 e domenica 10 gennaio che non sono identiche a quelle del Dpcm Natale (non consentiti spostamenti per le visite a parenti e amici), mentre da lunedì 11 gennaio in Toscana scatta la zona gialla con maggiori libertà ma ancora senza poter uscire dalla regione (salvo i casi consentiti). Questo fino al 15 gennaio.

Dunque, come ricordato dal governatore della Toscana Eugenio Giani, oggi e domani siamo in zona arancione nazionale. Valida per tutti indistintamente.

Sono consentiti gli spostamenti all’interno del proprio comune dalle 5 alle 22, fuori dal comune per  lavoro, salute e necessità.

Per chi vive in un comune sotto i 5000 abitanti sarà possibile spostarsi dal confine entro un raggio di 30 km con il divieto di spostamento verso i capoluoghi di Provincia.

È consentito raggiungere le seconde case all’interno della regione.

Sono consentiti inoltre gli spostamenti in comuni limitrofi per prodotti necessari alle proprie esigenze, per maggiore convenienza economica e in caso di rapporto fiduciario consolidato per attività e servizi.

Giani ha raccomandato ai toscani di continuiamo a indossare la mascherina ed evitare gli assembramenti. "Dobbiamo essere responsabili e rendere sempre più la Toscana". L'attività dei locali pubblici prosegue con le modalità dell'asporto e della consegna.

E grazie ai risultati su contagi, indice Rt e terapie intensive, la Toscana dunque sarà in zona gialla da lunedì come indicato nell'ordinanza del ministro Roberto Speranza. Passano in area arancione invece le regioni Calabria, Emilia-Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto. 

Fino al 15 gennaio 2021, sono vietati, su tutto il territorio nazionale, gli spostamenti tra regioni o province autonome diverse, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma. 

La zona gialla consente gli spostamenti tra comuni, l'attività dei locali al pubblico fino alle 18. E per la scuola, dopo la ripresa delle lezioni il 7 gennaio per scuole dell'infanzia, elementari e medie, da lunedì 11 tornano gli studenti in classe alle superiori, seppure al 50 per cento delle presenze.