Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, processo per il crac Banca Etruria fermo per aula inadeguata a norme anti Covid: si cerca sede alternativa

  • a
  • a
  • a

Il processo per il crac di Banca Etruria slitta a data da destinarsi. Niente udienza, oggi. Né alla Vela né altrove. E non è confermata neppure la prossima data in agenda, il 4 febbraio. La soluzione per ospitare le decine di avvocati, imputati, testimoni, consulenti e pubblico in condizioni di sicurezza rispetto al Covid, con opportuno distanziamento, non è stata trovata. Almeno per ora. Il dibattimento è sospeso. 

 

 

Il sopralluogo effettuato ieri mattina ad Arezzo Fiere e Congressi non ha sbloccato la questione che nei giorni scorsi era stata sollevata dal giudice Giovanni Fruganti, presidente della sezione penale e presidente del collegio (di cui fanno parte Claudio Lara e Ada Grignani) che deve giudicare i 25 ex di Bpel a processo per bancarotta. La mattinata ha visto riunirsi Fruganti con il presidente del tribunale Valentino Pezzuti, senza un esito positivo. 

 

Stop in attesa di trasloco. Valutazioni tecniche in corso. L’aula Miraglia alla Vela di sicuro non risponde ai requisiti. Spaziosa ma non sufficiente. Non ci sono neanche finestre apribili nonostante le grandi vetrate. In stand by le testimonianze pesanti di Antonio Sora e Claudio Pironti, i commissari di Banca d'Italia fino alla messa in risoluzione del novembre 2015.

 

Il differimento del processo Etruria è stato notificato agli avvocati degli imputati ed ha valore "fino a quando non sia certificata la sicurezza sanitaria" dell'aula di udienza "in presenza di un numero di persone superiore a trenta". Erano stati gli stessi difensori a sollevare la questione dell'adeguatezza dell'aula lo scorso 14 gennaio. Oggi, 28 gennaio, dunque nulla di fatto. Nell'avviso del presidente Fruganti si legge: "la questione non potrà che essere risolta col reperimento dei locali atti a garantire il rispetto delle vigenti disposizioni per il contrasto della diffusione del contagio da Covid 19". Quanto al "tempestivo reperimento" dei locali alternativi, "nei prossimi giorni si potrà disporre dei necessari dati conoscitivi".