Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio Serie C, l'Arezzo in trasferta con la Virtus Verona dopo il ritiro di Coverciano: che sia la volta buona per ripartire

  • a
  • a
  • a

Fosse la volta buona. I tifosi ci sperano, l’Arezzo ci prova. Oggi gli amaranto sono attesi sul campo della Virtus Verona. Una specie di ultima spiaggia che arriva dopo tre giorni di ritiro a Coverciano. Non ci sono altri appelli, perché la situazione dell’Arezzo è sotto gli occhi di tutti. Basta guardare la classifica. Ultimo posto con dieci punti, a sei lunghezze di distanza dal primo posto utile per i play out, attualmente occupato dal Ravenna. Una situazione più che difficile e che si è aggravata dal fatto che le distanze dai play out, appunto, sono aumentate.

L’Arezzo dunque deve assolutamente cambiare rotta per non finire direttamente in serie D. La società e la squadra si sono incontrate a Coverciano dove l’Arezzo è stato in ritiro per tre giorni. Un faccia a faccia con i massimi dirigenti per spronare la squadra e cercare di salvare il salvabile. “Vi chiediamo di mettere sul campo il 110% delle vostre forze per poter realizzare una bella scalata insieme, perché noi ci crediamo. Abbiamo un progetto a lungo termine e voi siete la base di questo progetto, dentro e fuori dal campo. Sappiamo benissimo che è un momento difficile, ma sono consapevole allo stesso tempo di avere una squadra e uno staff dall’alto valore morale e tecnico.

Tutti insieme usciremo da questa situazione”, hanno detto i rappresentanti della società che hanno incontrato anche Orgoglio Amaranto, il socio che detiene l’uno per cento. Per quanto riguarda la formazione, Stellone ripropone un 4-4-2 con Sala tra i pali, in difesa Luciani, Sbraga, Cherubin, Pinna; mentre a centrocampo Belloni, Arini, Di Paolantonio, Benucci e infine in attacco Piu, Cutolo. Sono in totale 28 i giocatori convocati dall’allenatore amaranto che chiede una prestazione tutto cuore per cercare di lasciare al più presto le sabbie mobili. 

Di fronte ci sarà un avversario che viaggia nelle posizioni medio alta della classifica. Mercoledì scorso è arrivata la quarta vittoria consecutiva. "Quattro vittorie di fila nella storia professionistica della Virtus non erano mai successe, stiamo andando ben oltre ogni più rosea previsione”, dice l’allenatore Gigi Fresco al sito ufficiale della società. “Anche se il nostro obiettivo primario è quello di arrivare il più presto possibile a quota 40, poi inizieremo a guardarci attorno". Capito infortunati e formazione: “Non ci sono novità rispetto a mercoledì, saranno ancora fuori Amadio, Pinto e De Marchi. Mi fa piacere aver potuto rimettere in campo Zarpellon, la condizione di Manfrin cresce di partita in partita. Formazione? Cambieremo anche stavolta qualcosa come abbiamo fatto mercoledì e come avevamo fatto domenica scorsa contro l'Imolese”.

F.M.