Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio serie C, l'Arezzo riceve il Carpi al Comunale: Stellone punta al massimo dopo il ritiro di Coverciano

Federica Guerri
  • a
  • a
  • a

Si torna al Comunale, l'Arezzo oggi alle 15 affronta un Carpi che sta vivendo una situazione molto delicata. Ma l'Arezzo, che è ancora ultimo in classifica, deve guardare solo in casa propria e pensare a ottenere il massimo dall'incontro con gli emiliani. E mister Stellone, dopo un'altra settimana di allenamento e ritiro, è fiducioso.

 

 

 

Gli amaranto sono rientrati ieri da Coverciano dove hanno trascorso gli ultimi tre giorni. "Nessuna punizione - spiega - solo l'opportunità di stare più insieme e soprattutto di avere a disposizione campi perfetti visto che con il maltempo di questa settimana i campi fuori dallo stadio erano impraticabili. Abbiamo lavorato bene e preparato al meglio la partita per dare continuità al risultato positivo di Verona dove la squadra ha fatto un'ottima partita e solo per quel pizzico di sfortuna non è riuscita a fare risultato pieno. Sono contento di come stanno lavorando i ragazzi, la società ci è stata vicina dandoci la possibilità di fare questi ritiri, noi come staff lavoriamo giorno e notte per cercare soluzioni per tirarci fuori da questa situazione e la squadra ce la sta mettendo tutta per salvarsi, per lasciare questo ultimo posto e dare continuità al punto di Verona".

 

 

 

Di fronte però c'è una squadra che non farà difetto in fatto di motivazione. "Il Carpi è una squadra molto simile a noi in questo momento - spiega Stellone - ha subito molto nelle ultime partite, ha richiamato in panchina Pochesci, viene da risultati negativi e soprattutto ha buone individualità oltre che più punti di noi. Dovremmo mettere in campo il massimo dell'attenzione e della concentrazione ed essere bravi ad attaccare e a non subire".

Sul fronte formazione sono probabili alcune modifiche anche per fare fronte al tour de force che si apre oggi e che vedrà l'Arezzo di nuovo in campo mercoledì in trasferta dalla capolista Padova. "Qualcosa cambieremo - spiega il tecnico - voglio cercare in queste tre partite di ruotare il più possibile".

 

 

 

Per quanto riguarda gli indisponibili Cherubin e Perez torneranno disponibili mercoledì contro il Padova mentre Carletti, che si è allenato tutta la settimana con la squadra, è abile e arruolabile. In campo con il 4-3-3 la formazione dovrebbe vedere Sala tra pali, Luciani, Sbraga, Pinna e Ventola (o Karkalis) in difesa, Arini, Di Paolantonio e Altobelli a centrocampo, Più, Cutolo e Belloni in attacco con Carletti e Iacoponi pronti all'occorrenza.

Il Carpi di Pocheschi potrebbe invece scendere in campo con il 3-4-1-2 con Rossini in porta, Ercolani, Sabotic e Varoli in difesa Eleuteri, Fofana, Ghion e Llamas a centrocampo e Matsour sulla trequarti dietro al tandem d'attacco De Cenco - Giovannini.