Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio serie C, l'Arezzo prepara la partita con il Matelica: la salvezza è un obiettivo ancora possibile

Federica Guerri
  • a
  • a
  • a

Subito al lavoro in vista del prossimo appuntamento che si giocherà al Comunale domenica alle 15. Di fronte il Matelica, matricola del girone che si sta facendo valere e che con 33 punti in classifica si trova a -1 dalla zona play off nella quale l’ultimo posto è occupato dal Mantova con cui, ieri ha disputato l’ultimo turno di campionato (0-0 il risultato). 

La squadra marchigiana, con cui all’andata l’Arezzo pareggiò 2-2 in trasferta è, dopo l’Arezzo, la seconda peggiore difesa del campionato ma, a differenza del Cavallino, è anche uno dei migliori attacchi che ha fin qui segnato 36 gol. 
Un ruolino migliore tra le mura amiche piuttosto che fuori dove ha raccolto tredici dei suoi trentatré punti frutto di quattro vittorie, un pareggio e otto sconfitte (in casa cinque vittorie, cinque pareggi e soltanto due sconfitte). Insomma, una gara in cui fondamentale sarà tenere altissima l’attenzione per cercare di non farsi sorprendere. 

Dopo il 2-0 inflitto dalla capolista, con un Comunale che deve ancora trovare la prima vittoria in questa stagione e con il distacco dal penultimo posto che è di nuovo tornato a sei punti (il Ravenna mercoledì ha pareggiato con la Virtus Verona) l’imperativo per la truppa di Stellone è quello di fare bottino pieno per provare a recuperare la forbice e cercare di rendere possibile l’impresa salvezza. 

“Abbiamo perso contro una grande squadra – aveva detto Stellone dopo la sconfitta di Padova – ma da parte nostra c’è stata la prestazione. Siamo stati equilibrati, mai disuniti. Prendiamo il positivo e pensiamo alla gara di domenica”. Il tecnico amaranto continua a preservare l’ottimismo nonostante i due punti raccolti nelle sei partite da cui siede nella panchina amaranto. Anche il Matelica ha raccolto soltanto due punti nelle ultime gare, domenica scorsa è andato al tappeto contro il Modena 4-1, il turno precedente ha pareggiato in casa con la Vis Pesaro e prima ancora ha perso contro il Sudtirol. 

A meno uno dalla zona play off l’intenzione dei marchigiani sarà scuramente quella di non perdere per strada punti preziosi. Sarà una gara dove sarà la motivazione a far pendere l’ago della bilancia nell’una o nell’altra direzione. 
L’Arezzo deve, anche il discorso è diventato ormai un ritornello, cercare di cambiare rotta se non vuole ritrovarsi direttamente in serie D.