Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio serie C, l'Arezzo ci riprova con il Matelica: chiodo fisso la vittoria. Stellone: "Non è ancora l'ultima spiaggia"

Federica Guerri
  • a
  • a
  • a

Appuntamento da non fallire al Comunale. Arriva il Matelica che, anche se non ha raccolto molto nelle ultime gare, vive comunque un momento di tranquillità. A differenza dell'Arezzo che deve a tutti i costi ritrovare la vittoria. “E' un momento in cui di fiducia ce n'è poca” commenta l'allenatore amaranto Roberto Stellone, “non vinciamo da tanto, siamo ancora ultimi, sapevamo che non era facile e non è facile, ma non è impossibile. Però bisogna nutrire questa fiducia e la si può nutrire solamente con la vittoria. Quello che serve ai ragazzi, all'ambiente, ai tifosi, per ripartire. La nostra voglia di salvarci dovrà essere superiore a quella del Matelica di raggiungere i play off”.

La partita però sarà complicata, come del resto lo sono tutte. Il Matelica ha meccanismi collaudati. “Loro a livello mentale stanno meglio di noi” conferma, “sarà una partita difficile come del resto lo sono tutte per noi. Dovremmo subire meno, rischiare meno e offendere di più perché una vittoria  ci darebbe una grande spinta per affrontare la prossima partita a livello morale e sarebbe una grande gioia per i tifosi e per i giocatori che ne hanno bisogno e che si allenano con il piglio giusto. Tutti stanno cercando di dare il massimo e si meritano una vittoria. E' una partita importantissima, ma non è l'ultima spiaggia. La squadra non ha bisogno di ulteriore tensione, sa che deve giocare per vincere ma non è ancora l'ultima spiaggia”. 

L'Arezzo dovrà fare a meno di Belloni e Benucci. Perez è a disposizione anche se non giocando da tempo non ha i 90 minuti nelle gambe, ma Stellone dovrebbe scegliere di farlo giocare dal primo minuto per sostituire a partita in corso. Cutolo sta meglio ma non è ancora al cento per cento, così come Carletti che potrebbe entrare a partita in corso. Tra i pali dovrebbe tornare Sala dal primo minuto con Luciani, Cherubin, Sbraga e Pinna nella linea di difesa; Arini, Di Paolantonio e Altobelli a centrocampo e in attacco Piu, Perez e Iacoponi con Cerci pronto all'occorrenza. 

“Tutta la squadra deve spingere per andare oltre le buone prestazioni delle ultime gare” conferma Stellone, “e dovremmo cominciare a trovare anche quel pizzico di fortuna che serve per svoltare le partite e buttare la palla dentro prima dell'avversario”.  
Anche il Matelica di Colavitto dovrebbe affidarsi al 4-3-3 con Vitali tra i pali, Tofanari, Zigrossi, De Santis e Di Renzo in difesa, Balestrero, Pizzutelli e Calcagni a centrocampo e Volpicelli, Moretti e Leonetti davanti.