Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Civitella, Massimiliano Dindalini (presidente Tiemme) denuncia: "Rubate quattro famiglie di api"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Massimiliano Dindalini, presidente di Tiemme, lunedì si è presentato ai carabinieri di Monte San San Savino per denunciare il furto di quattro famiglie di api. Dindalini ha l’omonima azienda di apicoltura dal 2004 in località Fontanelle a Civitella in Valdichiana e lunedì scorso quando è andato a controllare le famiglie si è reso subito conto che qualcosa non andava. “Ho iniziato a controllare le api dice Dindalini - e mi sono accorto che da almeno quattro arnie erano stati prelevati i telaini con api, regine e scorte”. Un danno di circa 500 euro, anche se non è tanto il valore economico, quanto quello che significa prendere le famiglie di api. Spiega Dindalini: “Hanno portato via la regina e hanno lasciato le altre api, ciò significa che quest’ultime moriranno, perché non possono più riprodursi”. Ogni famiglia fa circa 50 chili di miele all’anno. “Penso che il furto - prosegue Dindalini - sia avvenuto nel fine settimana”. I ladri hanno agito indisturbati, perché, come spiega lo stesso presidente di Tiemme, ex sindaco di Civitella ed ex segretario provinciale del Pd: “Le arnie sono posizionate in un campo che ha l’accesso attraverso una catena che non risulta forzata. E’ probabile che si siano incamminati a piedi con dei contenitori dove hanno poi messo le api trafugate”. Ma Dindalini ha anche una sua ipotesi su come potrebbero agire i ladri. Non è infatti l’unico furto che si è verificato in questi ultimi tempi. E appunto per questo lancia un appello a tutti gli apicoltori: “La tecnica con la quale prendono le api, potrebbe essere quella di andare di giorno negli apiari, muniti di tuta per lavorare le api in modo che chi li osserva possa crede che sia il legittimo proprietario al lavoro. Gli apicoltori devono sapere con chi abbiamo a che fare - scrive successivamente Dindalini sul proprio profilo facebook - mavorrei anche chiedere a tutti coloro che sono passati in Località Fontanelle nell’ultima settimana, di segnalarmi se hanno notato un apicoltore al lavoro o qualche auto o furgone nei pressi delle api nell’ultima settimana. Le api si trovano presso il Casolare di Fontanelle visibili dalla strada provinciale e da quella vicinale bianca che va dalla località il riccio alle località di Dorna e Badia al Pino, nel comune di Civitella in Val di Chiana”. Un appello rivolto a chiunque sappia o abbia visto qualcosa che possa essere utile alle indagini per ritrovare le quattro famiglie di api o per scoprire chi in queste settimane ha preso di mira gli apicoltori della zona. 
“Purtroppo i telaini non sono provvisti di un segnale di riconoscimento - prosegue Dindalini - e per questo sarà difficile riuscire a scoprire qualcosa, ma qualsiasi informazione sarà utile per me e per gli altri”. 
E mentre c’è chi ruba le api, c’è anche chi tenta di salvarle. E’ cominciata infatti una raccolta di firme per salvare api e agricoltori dalla chimica di sintesi. E’ partita in tutta Europa l’Iniziativa dei Cittadini Europei (Ice) che punta a raccogliere in un anno un milione di firme in almeno 7 diversi Paesi Ue