Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, droga nella pagnotta di pane: due arrestati a Cortona. E uno, ristoratore del Trasimeno, a casa aveva altro hashish e cocaina

  • a
  • a
  • a

La droga era nascosta dentro ad una pagnotta di pane tagliata a metà e svuotata della mollica. Un nascondiglio originale. Ma l'ingegnosa trovata non ha evitato l'arresto a due giovani residenti a Castiglione del Lago. Sono stati i carabinieri della compagnia di Cortona a metterli in manette con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti.

La pattuglia dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cortona ed una pattuglia della stazione di Mercatale di Cortona, durante un posto di controllo congiunto effettuato nei pressi dell’uscita di Castiglione del Lago del raccordo autostradale Perugia-Bettolle, hanno notato avvicinarsi una macchina che aveva un’andatura di guida poco costante.

Insospettiti, i militari hanno intimato l’alt alla vettura che in un primo momento sembrava rallentare, ma una volta vicini ai militari accelerava e si dava alla fuga. Immediatamente le due pattuglie hanno iniziato l’inseguimento dell’auto e hanno notato che veniva lanciata dal finestrino una grossa busta.

Un equipaggio si è fermato a recuperare quanto buttato lungo la strada, mentre gli altri due carabinieri sono riusciti a raggiungere e bloccare i fuggitivi. Nella busta abbandonata è stata trovata una pagnotta di pane, tagliata a metà e svuotata della mollica, al posto della quale erano stati occultati degli involucri contenenti sostanza stupefacente del tipo hashish.

E' così seguita la perquisizione personale, veicolare e domiciliare dei due uomini. A casa del primo, 29 anni, con precedenti di polizia per reati contro la persona, sono stati rinvenuti 10 grammi di hashish e tre telefoni cellulari usati per contattare i compratori. A casa del secondo, 35 anni, con numerosi precedenti alle spalle per reati specifici e proprietario di un ristorante a Castiglione del Lago, sono stati rinvenuti, dietro un muro di cartongesso del suo garage 24 panetti sottovuoto di "hashish” del peso complessivo di 2,5 kg e 22 ovuli contenenti cocaina per un peso 280 g.

Lo stupefacente era purissimo, ancora da tagliare, quindi le dosi che ne sarebbero risultate sono numerosissime (circa 1000 dosi, se non di più). Oltre allo stupefacente i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 700 euro in banconote di vario taglio ed un 1 bilancino di precisione. I due arrestati sono stati condotti presso la casa circondariale di Arezzo