Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, cade a 14 anni dal tetto dell'ex magazzino dove era salito per giocare con gli amici

Esplora:

Alessandro Bindi
  • a
  • a
  • a

Tragedia sfiorata all’edifico in disuso ex Konz. Un giovane, aretino di quattordici anni, è precipitato dal tetto di un capannone. Vari i traumi riportati dal minorenne dopo il volo da un’altezza di otto metri. Illesi invece gli amici, coetanei, comunque rimasti sconvolti dalla disavventura.

Un pomeriggio di svago e divertimento ha di colpo messo a serio rischio la loro incolumità. In cielo si è alzato l’elisoccorso Pegaso della Regione Toscana per il trasferimento del giovane all’ospedale fiorentino di Careggi dove è arrivato in codice rosso. Brutte le ferite riportate.

È stato un pomeriggio movimentato quello di ieri nell’area dismessa di via Setteponti. Le sirene e i lampeggianti dei soccorsi si sono accese tra la linea ferroviaria e la rotonda stradale. La richiesta di soccorso è scattata intorno alle 16,30 dopo che un ragazzo che si trovava in compagnia di due amici, è finito a terra rovinosamente. Pare che la comitiva di minorenni dopo essersi addentrata tra gli edifici abbandonati, un po’ per gioco, un po’ per noia, probabilmente approfittando di un varco presente nella rete di recinzione, sia salita sul tetto di uno degli stabili.

Una pericolosa passeggiata durante la quale i ragazzi non hanno considerato i rischi. La copertura ondulata, vetusta, non ha infatti retto il peso, sgretolandosi sotto i piedi del quattordicenne. Il giovane è quindi caduto all’interno dell’edificio dopo aver sfondato sia la copertura che il controsoffitto. Sono dovuti intervenire i vigili del Fuoco dalla centrale di via degli Accolti per trarre in salvo il quattordicenne. Sul posto sono prontamente intervenuti anche i sanitari del 118 per le cure del caso e dopo aver stabilizzato il ferito hanno disposto il trasferimento a Careggi a seguito dei politraumi riportati nella caduta.

Nell’area dello stabilimento dismesso sono entrati in azione anche i carabinieri per accertare i motivi che hanno spinto i tre ragazzi, tutti minorenni, ad entrare in quell’area per poi salire fin sopra il tetto. Una incursione da ricondurre a una bravata. Una ragazzata che ha rischiato di trasformarsi in tragedia. Sul posto la Polizia Municipale.