Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Arezzo va di rigore, batte il Fano e adesso ci crede. Stellone: "Tre punti pesantissimi"

  • a
  • a
  • a

Con determinazione e un pizzico di fortuna, l’Arezzo espugna il campo del Fano e muove un altro passettino verso la salvezza. Seconda vittoria di fila per gli amaranto - in campionato non accadeva da quasi due anni - passati in vantaggio con un rigore trasformato da Cutolo e usciti indenni dal forcing del Fano. Una vittoria che consente agli amaranto di lasciare l'ultimo posto della classifica, anche se virtualmente, perchè il Ravenna deve recuperare due partite. Ora l’Arezzo ci crede per davvero. Il blitz di Fano è servito per togliersi dall’ultimo posto, la strada verso la salvezza è ancora lunga, ma il morale degli amaranto è sicuramente migliore rispetto a una settimana fa, merito delle due vittorie di fila. C’è tanta soddisfazione nelle parole di Roberto Stellone. L’allenatore dell’Arezzo ha analizzato l’1-0 al Fano nel post-gara: “Nel secondo tempo siamo andati meno bene, ma nel primo abbiamo segnato, creato tanto, preso un palo, avremmo dovuto chiudere la frazione sul 2-0. Nella ripresa il vento tirava dalla parte del Fano, che ha attaccato con tanti uomini, noi ci siamo abbassati troppo, rischiando qualcosina e potevamo sfruttare qualche ripartenza per chiudere la partita, ma non ci siamo riusciti. Abbiamo comunque vinto la partita, difendendo l’1-0, di positivo c’è la prestazione del primo tempo e lo spirito di sacrificio che si è visto nella ripresa, sul campo di una squadra in lotta per i playout come noi. Sono tre punti pesanti”. Stellone ha perso quasi subito Serrotti, uscito per un infortunio muscolare. A forte rischio la sua presenza contro l’Imolese: “Serrotti ha riportato un fastidio al flessore, si sottoporrà a esami specifici. Domenica c’è l’Imolese, ci sarà da recuperare le energie spese oggi, è un’altra partita importante per il discorso salvezza. È la più importante del nostro campionato”. Felicità anche nelle dichiarazioni di Aniello Cutolo, il match-winner degli amaranto: “La vittoria vale doppio, sapevamo che non sarebbe stato semplice, perché Fano era un campo difficile. Abbiamo fatto un colpo importantissimo. Questa mentalità deve accompagnarci fino al termine della stagione. Il palo? Dispiace, ma va bene lo stesso, perché contava portare a casa il risultato. Ci godiamo questa vittoria, avevamo preparato una partita del genere, era importante venire a giocare a Fano per disputare una gara di calcio champagne. Abbiamo lottato e siamo contenti, c’è da fare i complimenti a tutta la squadra”. Cutolo si è quindi proiettato alla sfida contro l’Imolese, ricordando pure la scomparsa di Antonio Vanacore, vice-allenatore della Cavese ucciso dal Covid-19: “Ora testa all’Imolese, siamo già sul pezzo, prepareremo un altro scontro diretto. Ci tenevo a segnare per dedicare il gol al mio amico Antonio Vanacore, scomparso ieri (martedì, nda). Era una persona eccezionale, sotto tutti i punti di vista, che ho avuto l’onore di conoscere. Lo ricorderò sempre con grande affetto, ai familiari le mie condoglianze”.