Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, nella panchina vaccinale anche Giordana Giordini presidente degli orafi di Confindustria

Giordana Giordini (Federorafi)

  • a
  • a
  • a

Tra i seimila seduti nella “panchina” vaccinale della Asl Sud Est c’è anche Giordana Giordini, imprenditrice, presidente di Confindustria orafi. “Ho seguito la procedura on line attraverso il sito e mi sono resa disponibile”, dice Giordini, leader di un comparto cardine dell’economia di Arezzo.

“Il mio lavoro è fatto di viaggi internazionali e presto potrebbe essere necessario il passaporto vaccinale. Quindi provo a muovermi in anticipo, casomai si aprisse qualche finestra in base al meccanismo predisposto per non lasciare inutilizzate le dosi rifiutate”.

Un tentativo. Giordana Giordini è dunque iscritta nella lista dei riservisti (in base ai requisiti previsti, categorie e situazioni familiari) e pronta a correre nel caso in cui si rendesse libera una fiala.

“Prima della pandemia facevo dieci viaggi all’anno in particolare verso Dubai, Turchia, Hong Kong” dice l’imprenditrice, che ha 51 anni e quindi, seguendo le attuali corsie e fasce d’età, ha l’appuntamento con l’iniezione molto lontano nel tempo. “Per affari sono tornata a Dubai, hub principale del Medio Oriente, decisivo per l’export”, prosegue.

“C’è tutta la trafila da seguire, i tamponi, le precauzioni, ma già da giugno può scattare l’obbligo del passaporto ed esserne sprovvisti sarebbe un grave handicap. Per noi orafi la dimensione globale dei mercati, le relazioni con i buyers, i viaggi, assumono valore cruciale. Il problema è che l’Italia sta un po’ balbettando. Altri Paesi hanno un passo diverso: a Dubai il 73% della popolazione è già vaccinata. In Texas non c’è più l’obbligo della mascherina... Come Confidustria avevamo chiesto di essere riconosciuti come categoria da vaccinare subito, alla pari di magistrati e avvocati. Non abbiamo ricevuto risposta”.

E allora Giordana Giordini, presidente della sezione Oreficeria e Gioielleria di Confindustria Toscana Sud, si accomoda in panchina, tante volte si liberasse una dose di AstraZeneca per lei.

L.S.