Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, multato motorino per consegnare le pizze. Poi i Vigili lo graziano

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

La storia a lieto fine ha il volto di Emanuele Di Rocco, titolare del ristorante “Passa Parola” di Arezzo e anche dell’amico Cristiano Romani che sabato scorso si è subito attivato per togliere la multa a quel motorino che Emanuele usa ogni giorno per consegnare le pizze a domicilio. E ieri mattina dopo l’incontro con il comandante Poponcini, “la multa sarà annullata”, dice Emanuele. E’ felice il titolare del ristorante che come tutti gli altri, in questi mesi, soffre la crisi dovuta al Covid e si deve arrangiare, da oltre un anno, con l’asporto. Emanuele per consegnare le pizze a domicilio usa il suo motorino dove dietro appende uno zaino con il nome e il numero di telefono del ristorante. “Sabato pomeriggio intorno alle 17.30 - dice Emanuele - ho parcheggiato, come faccio sempre davanti al ristorante. Il motorino non era sopra il marciapiede, ma lo avevo lasciato in quel modo, perché andavo dentro il locale, preparavo le pizze e poi cominciavo il giro. Lo ammetto, non è che ogni volta posso andare a parcheggiare a cinquanta metri dal locale. La porta del ristorante era aperta, dentro stavo lavorando. Quando sono uscito, sul motorino c’era la multa: 29.50 euro per divieto di sosta. Ora non dico che non dovevano farmela, ma mi sono arrabbiato lo stesso. Perché in questo periodo lavoriamo come possiamo e con quel motorino ci vado in giro per la città per cercare di guadagnare qualcosa con la consegna delle pizze a domicilio”. 


Di Rocco, arrabbiato, si sfoga su facebook. Il suo post viene notato da Cristiano Romani, presidente dell’Associazione Cultura Nazionale, ma in questo caso amico di Emanuele. “Ho subito contattato sia il comandante Poponcini - dice Romani - che il vice sindaco Lucia Tanti per spiegare loro quello che era successo. Il comandante ha dato appuntamento a Emanuele per ieri mattina”. E così è stato ricevuto nella caserma dei vigili urbani. “Devo dire che Poponcini è una persona squisita, perché ha subito capito quello che era successo. Era la prima volta che venivo multato, anche se il motorino lo lasciavo spesso davanti al ristorante. Magari sarà passato qualche vigile che non sapeva che con quel motorino era io e che ci lavoro, fatto sta che il comandante Poponcini ha mandato tutto al Prefetto che sicuramente annullerà la contravvenzione”. 


“Sono contento. Non solo, perché non devo pagare 29.50 euro, ma perché i vigili hanno capito la mia situazione che è comune a quella di tanti altri ristoratori”. 
I ringraziamenti arrivano anche da parte di Cristiano Romani: “Voglio ringraziare Lucia Tanti, vice sindaco di Arezzo e Aldo Poponcini Comandante della polizia municipale di Arezzo per essersi interessati alla vicenda del ristoratore e amico Emanuele Di Rocco del Passaparola Pizzeria dopo la mia diretta segnalazione. Ottimo così!”. 
Emanuele ora è tornato in sella, sfrecciando per la città, a consegnare pizze con la speranza che questo periodo finisca il più alla svelta possibile.