Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calcio serie C, l'Arezzo di Stellone all'ora di pranzo in campo a Modena: volata salvezza a caccia di punti

Bryan Piovosi
  • a
  • a
  • a

L’Arezzo torna in campo oggi a Modena. Fischio d’inizio alle 12.30 per quello che si preannuncia una partita di fuoco. E’ la seconda trasferta consecutiva e il tecnico Stellone, riguardo alla formazione, dice: “Abbiamo recuperato sia Karkalis che Altobelli, Benucci invece ha avuto in settimana un fastidio ma dobbiamo valutare le sue condizioni. Per il resto gli infortunati sono sempre gli stessi, Serrotti, Belloni, Zuppel, in più c’è la squalifica di Cherubin”. 

Che cosa succederà? Stellone che sarà squalificato per due giornate è sicuro: “Ce la giocheremo lo stesso, anche a Bolzano in piena emergenza ci siamo fatti valere, dobbiamo provarci anche a Modena, non abbiamo scelta. Affronteremo una squadra costruita per stare tra le prime (il Modena è al quarto posto ndr), un collettivo consolidato. Sono solidi dietro quindi dobbiamo essere intelligenti e capire sul campo la situazione ed adattarci ad essa; la squalifica di Cherubin pesa per l’ordine che stava dando alla squadra, non abbiamo grosse alternative perché Karkalis è appena rientrato, comunque la chiave sarà tutta la disposizione del centrocampo sia gli esterni che i centrali, ho già scelto la formazione e anche in questo senso, sono sicuro che faremo bene”.

Sulla classifica, quando mancano cinque gare alla fine e i recuperi hanno tenuto dietro il Ravenna che cosa possiamo dire? “Non siamo nella condizione di fare calcoli - risponde Stellone - il Ravenna è dietro sì, ma deve ancora recuperare una gara. Non possiamo sperare solo negli inciampi degli altri, dobbiamo fare noi i punti che ci servono. E’ altrettanto vero però che un piazzamento migliore in classifica porta dei vantaggi, almeno teorici, senza quindi fare calcoli dobbiamo macinare in questo finale di campionato. Quindici punti sono ancora a disposizione possiamo farli tutti, o dieci, o cinque, o nessuno, dipende da noi e dagli altri. Se questi punti che faremo ci permetteranno di scalare posizioni in classifica tanto meglio, ne abbiamo già recuperata una, ma non possiamo fare troppi calcoli”.
Quindi avanti tutta.

Stellone ancora: “Nelle quattordici partite dove ho allenato, ci sono state poche occasioni dove abbiamo meritato di perdere o dove non ci siamo espressi come dovevamo, un aspetto da considerare nell’arco di una stagione, ho visto una squadra in costante crescita, c’è da lavorare perché mancano la cattiveria e la precisione. Ma adesso dobbiamo pensare ad oggi e a portare via più punti possibili da Modena”.