Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, 72 nuovi casi nell'Aretino. Ci sono altri due decessi

  • a
  • a
  • a

Sono 72 i nuovi casi in provincia di Arezzo per i quali sono stati eseguiti 1842 tamponi dalle 14 del 16 di aprile alla stessa ora del 17. Purtroppo ci sono da segnalare altri due decessi che portano a 35 il numero delle vittime in questi primi 17 giorni di aprile. Si tratta di due donne una di 90 anni e l’altra di 86 entrambe decedute all’ospedale San Donato di Arezzo. Per quanto riguarda i nuovi casi in città sono 28.

Così nel resto della provincia: Anghiari 2, Bibbiena 1, Castel Focognano 1, Capolona 1, Castel San Niccolò 7, Castelfranco Piandiscò 3, Civitella 4, Cortona 5, Foiano 1, Laterina 3, Loro Ciuffenna 5, Lucignano 1, Marciano 1, Montevarchi 2, Poppi 1, Pratovecchio Stia 1, Sansepolcro 4, Subbiano 1. Stabili i ricoveri: 105 in bolla Covid e 22 in terapia intensiva. Le persone positive in carico sono 1842 di cui a domicilio 1402. Le persone in quarantena 3254. Ci sono anche 53 guariti. La Asl rende noto anche la situazione nelle Rsa al termine di questa settimana.

Ad Arezzo l’andamento è stato questo, su cinque Rsa da lunedì a giovedì 11 positivi mentre ieri ce ne sono stati 8. E ieri mattina Stanislao Auciello e Gianni Billi del gruppo Gideons Internazional hanno donato al reparto di Terapia Intensiva del San Donato.
A ricevere la donazione il direttore del reparto dott. Marco Feri ed il responsabile infermieristico Roberto Bindi “Il gruppo The Gideons International, ha dichiarato Stanislao Auciello, è una associazione di imprenditori e professionisti laici cristiani nata oltre 100 anni fa negli Stati Uniti d'America e presente in tanti paesi. Abbiamo deciso di donare ai medici e operatori, ma anche ai pazienti del reparto di Terapia Intensiva, un piccolo pacchetto con alcune creme e testi sacri. “Come sempre queste donazioni ci fanno piacere, ha dichiarato il dott. Marco Feri, sono il segnale di attenzione e sensibilità della nostra comunità verso chi lavora e chi sta combattendo contro la malattia.”