Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, pensionato gratta e vince mezzo milione con un biglietto da cinque euro al bar tabacchi di Ambra

Michele Bossini
  • a
  • a
  • a

Un pensionato acquista un tagliando della lotteria istantanea “Gratta e vinci” e porta a casa 500 mila euro. La fortuna è arrivata e si è fermata al bar-tabacchi “Mitico” in via Dante Alighieri ad Ambra (frazione di Bucine) dove un cliente ha acquistato un biglietto del “Miliardario”, prezzo cinque euro, e ha fatto centro.

“A realizzare la vincita - racconta il titolare del Mitico, Massimo Torzini - è stato un cliente abituale, un pensionato, una gran brava persona. E sono quindi contento che a vincere sia stato lui perché francamente se lo merita”. “Penso che lì per lì non si sia nemmeno reso conto pienamente di quello che era successo -prosegue il titolare - poi ho contattato la figlia, e anche lei è rimasta di stucco. Già qualche anno fa c'era stata una grossa vincita, 162 mila euro mentre le vincite di poche centinaia sono una cosa abbastanza frequente anche perché tutte le settimane, conclude, vendo un numero consistente di gratta e vinci”.

Ad Ambra la notizia della vincita ha fatto il giro del borgo e in tanti stanno cercando di capire chi possa essere ad avere trovato il grattino fortunato.

Lo schema di gioco del “Miliardario” prevede che si grattino prima i “numeri vincenti” celati dall'immagine di cinque monete recanti il simbolo “€” in alto, poi “i tuoi numeri”, celati dall’immagine di quindici blocchetti di banconote. Se nei “tuoi numeri” si trovano, una o più volte, uno o più “numeri vincenti” - nel caso del pensionato di Ambra il 24 - si vince il premio o la somma dei premi corrispondenti. La probabilità di vincita massima è quella di un solo biglietto ogni 6.000.000 venduti.

Nella primavera del 2010 si era verificata una strana coincidenza: due biglietti del “Miliardario” con la vincita massima erano stati venduti a poche ore di distanza, il primo a San Giovanni e il secondo a Montevarchi.
La vincita più grossa in Valdarno risale al 2009: l'estrazione del 6 gennaio aveva portato, grazie a un biglietto dello Lotteria Italia acquistata in un autogrill del veneziano, nelle tasche di un autotrasportatore di Castelfranco, il quarto premio, per un milione e mezzo di euro.