Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rischio zona rossa per Sansepolcro e Anghiari: oggi la decisione. Così i contagi ad Arezzo e provincia

  • a
  • a
  • a

Rischio zona rossa per i Comuni di Anghiari e Sansepolcro: numeri da capogiro quelli registrati nel corso dell’ultima settimana, i quali hanno fatto scattare il famoso indice RT ben sopra i 250 in base al rapporto ogni 100.000 abitanti. Quella di oggi, però, è la giornata chiave: si chiude la settimana di riferimento che si deve confrontare con il rapporto delle due precedenti.

Anghiari ha fatto registrare altri 6 nuovi casi che si aggiungono ai 42 di sabato sfiorando così i 50 complessivi, con il doppio delle persone che sono in quarantena. “Stiamo monitorando attentamente la situazione – spiega il sindaco Alessandro Polcri – ed è già stato aperto lo stato di emergenza con al prima riunione del COC: spetterà alla Regione, però, insieme all’azienda sanitaria, in virtù dei dati complessivi della settimana. stabilire il da farsi; abbiamo chiesto la possibilità di effettuare uno screening di massa attraverso l’opzione ‘territori sicuri’ per avere una mappatura completa anche con gli asintomatici; questa è la prima strada, la seconda è quella di andare incontro ad un periodo di zona rossa che però non dovrà decidere il Comune”.

Il forte aumento di contagi registrati in queste ultime ore sono dovuti al rientro a scuola, l’istituto di ragioneria di Sansepolcro è in DAD e alcune classi del liceo scientifico lo stesso, ma anche ad alcune feste di compleanno che sono state organizzate nelle scorse settimane. Non migliore è la situazione che sta vivendo Sansepolcro: costante il dialogo tra i sindaci dei Comuni della Valtiberina Toscana. “Negli ultimi sette giorni – sottolinea il sindaco di Sansepolcro, Mauro Cornioli - i nuovi casi totali sono stati 50, quindi in crescita rispetto ai 40 della settimana scorsa: purtroppo il virus circola e per la terza settimana consecutiva abbiamo numeri che destano preoccupazione. Dal 17 gennaio abbiamo registrato i seguenti casi settimanali: 13, 11, 16, 37, 62, 40, 53, 41, 20, 20, 5, 21, 19, 40, 40 e 50 in questa settimana”. Ma il primo cittadino di Sansepolcro analizza i dati. “Per quello che riguarda l'indice di incidenza settimanale per 100.000 abitanti – puntualizza Cornioli - la Valtiberina è scesa da 293 a 162, mentre Sansepolcro è salito a 322 da 258. Dall'inizio della seconda fase dell'emergenza, al Borgo i positivi totali sono stati 863: 731 sono guariti, 36 in questa settimana, mentre gli attualmente positivi sono 109. Di questi 99 sono in isolamento domiciliare, 8 ricoverati in ospedale e 2 in strutture di cure intermedie”.

SITUAZIONE CONTAGI IN PROVINCIA

Contagi in lieve risalita nell’Aretino ma sempre sotto i cento casi. I nuovi casi positivi al Covid, accertati nell’arco delle ventiquattrore comprese dalle 14 di ieri alle 14 del giorno precedente, sono 83 su 896 tamponi effettuati. Erano stati 75 sabato scorso. In tutta la Asl Toscana Sud Est i casi totali sono 139, di cui 24 in provincia di Siena e 28 in provincia di Grosseto, 4 extra Usl. Nel capoluogo c’è ancora il maggior numero di positivi: 15 casi accertati.

Ma numeri importanti si riscontrano anche in altri comuni della provincia come a Sansepolcro, con 14 casi, e a Foiano, con 11 casi. Questi i dati nei restanti comuni: Anghiari e San Giovanni 6 casi; Terranuova Bracciolini 5 casi; Bucine e Castiglion Fiorentino 4 casi ciascuno; Montevarchi 3; Cavriglia, Civitella, Monte San Savino e Pratovecchio Stia 2 casi ciascuno; Capolona, Cortona, Castelfranco Piandiscò, Loro Ciuffenna, Poppi e Subbiano 1 caso ciascuno. Suddivisi per classi di età i nuovi positivi riguardano: 14 cittadini tra gli 0-18 anni, 14 tra i 19-34 anni, 25 tra i 35-49 anni, 19 tra i 50-64 anni, 7 tra i 65-79 anni e 4 over 80.

Il picco nel trend settimanale si è registrato domenica 2 maggio con 113 casi. In miglioramento all’ospedale San Donato la situazione dei ricoveri che scendono: i posti letto occupati in bolla Covid sono 74, in terapia intensiva sono 16. Nella degenza Covid della Misericordia di Grosseto i ricoverati sono 28 mentre in terapia intensiva 12. Le persone positive prese in carico in provincia di Arezzo sono 1.483, di cui a domicilio 1.180. Le persone in quarantena perché contatto stretto di caso sono 3.931. I guariti sono 43. Non si registrano decessi.

Davide Gambacci - Sara Polvani