Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, richieste dei ristoratori ai sindaci: "Meno tasse e voucher per i clienti"

  • a
  • a
  • a

Illustrare alle amministrazioni comunali le richieste che arrivano dal mondo della ristorazione e della ricettività e fare un primo bilancio dei primi quattro mesi 2021. Con questo intento Tni Italia ha incontrato ieri mattina i sindaci dell’Aretino.

 


La presidente della Provincia di Arezzo, Silvia Chiassai Martini, ha accolto così in Sala dei Grandi Tni Italia, l’associazione che riunisce i ristoratori, pesantemente danneggiati a seguito del lockdown, in un incontro insieme a molti sindaci del territorio al fine di valutare le misure di sostegno alla categoria. “Comprendo pienamente quali sono le reali difficoltà di chi ogni mattina si alza e deve rimboccarsi le mani per fronteggiare le enormi difficoltà economiche e sociali causate dal Covid” ha sottolineato Silvia Chiassai Martini. “I ristoratori sono una delle categorie più colpite e ritengo che sia necessario che le istituzioni raccolgano questo grido di aiuto in modo concreto intervenendo con ogni strumento a disposizione per una ripartenza immediata, come la riduzione della Tari, la cancellazione della Cosap per l’utilizzo del suolo pubblico, l’eliminazione della tassa di soggiorno, voucher spendibili nella ristorazione. Un settore che identifica la nostra tradizione ed il territorio, che rappresenta la convivialità, l’ospitalità, in una parola sola l’italianità e non dobbiamo rischiare che tutto questo cessi di esistere. Sicurezza e lavoro devono andare di pari passo e noi amministratori dobbiamo farci portavoce anche a livello nazionale per tutelare e far sopravvivere le piccole imprese della ristorazione, patrimonio del nostro territorio”.

 


Sono intervenuti all’incontro in Provincia, Cristina Tagliamento, segretaria nazionale di Tni Italia, Simone Giannerini, direttore nazionale di Tni Italia e Fabrizio Ferruzzi, direttore provinciale Tni Italia Arezzo.
“I sindaci che erano presenti insieme alla stessa presidente della Provincia Chiassai Martini e sindaco di Montevarchi si sono dimostrati molto collaborativi e ci hanno dato per la prima volta la possibilità di aprire un tavolo istituzionale continuativo anche per il futuro”, commenta Ferruzzi. “Abbiamo chiesto una scontistica sulla Tari, ove fosse possibile alle amministrazioni comunali procedere con una forma di aiuto a fondo perduto o perlomeno dei voucher che incentivino i clienti a tornare nei nostri locali. Ci sono anche la possibile abolizione della tassa di soggiorno, il reinvestimento dei proventi delle tasse di soggiorno nella promozione turistica. Più degli aiuti chiediamo di poter lavorare. Andranno avanti gli incontri con i sindaci: loro stessi si sono dichiarati disponibili a conoscere la nostra realtà. I problemi sono adesso anche per trovare personale”.