Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, niente tavolini in piazza Guido Monaco. Il bando è andato deserto

Giovanna Belardi
  • a
  • a
  • a

Alla fine non rimase nessuno e così in piazza Guido Monaco quest’estate i tavolini dei locali intorno alla piazza non ci saranno. Nessuna domanda allo scadere del termine del bando da parte dei titolari e così tutto resterà com’è. E sì che proprio questa piazza, vissuta distrattamente e di passaggio, doveva rinascere potendo disporre della possibilità per i locali di somministrazione della zona di ritagliarsi uno spicchio dove sistemare dei tavolini e banconi d’appoggio. Un’occasione per valorizzare lo spazio dedicato a un grande aretino e per rendere più sicura la stessa piazza invitando famiglie e turisti a concedersi una sosta qui. Niente da fare, dopo iniziali manifestazioni d’interesse anche da parte di esercenti di via Guido Monaco, nessuno ha chiesto uno degli otto spicchi previsti.

“Se non sono arrivate dopo la data di scadenza non ci sono state domande - ha detto l’assessore Simone Chierici -. Se devo dare una giustificazione plausibile è che alla fine è stato fatto un calcolo economico per cui tra arredi da acquistare e la vigilanza avranno pensato che era meglio rinunciare. Peccato perché era una possibilità gratuita. Adesso chi volesse disporre della piazza deve chiedere il suolo pubblico e la possibilità è lasciata soltanto a chi ha il locale di fronte. Peccato anche per un altro motivo, perché era un’occasione per mettere a regime fino a fine anno quella piazza, vedere se c’era risposta. Insomma era un tentativo. Secondo me è stata un’occasione persa per chi si è fatto sfuggire l’opportunità di usufruirne”.

 

Se dunque non se ne fa nulla e tutto resta come è, vuol dire che resteranno anche gli abituali frequentatori della piazza, che dopo una certa ora diventa punto di riferimento per alcuni habituee problematici che hanno in passato attirato anche l’attenzione delle forze dell’ordine. Non a caso qui era stato voluto un presidio della Polizia Municipale che al momento però fa soltanto da appoggio per le pattuglie. Piazza Guido Monaco continua a restare zona di passaggio veloce da cui scappare in fretta.