Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, spariscono fiori e piante dai condomini

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Piante e fiori spariscono dai pianerottoli del palazzo. All’inizio sembrava un caso, poi le sparizioni si sono ripetute e adesso i residenti chiedono le telecamere. Protagonista è un condominio di via Giordano Bruno a Pescaiola, ma non appena una delle residenti ha raccontato la vicenda in un post su facebook, più o meno sempre di Pescaiola, hanno raccontato di avere subìto lo stesso furto. “Una volta rubavano i fiori sulle tombe - dice una delle residenti di via Giordano Bruno - adesso portano via i fiori dai pianerottoli”. E spiega quello che è successo: “I fatti si sono ripetuti dalla scorsa primavera - racconta - Quando arriva la bella stagione, mettiamo vasi e fiori in un punto del palazzo che è accessibile a tutti, anche se per arrivarci bisogna comunque sempre passare da una proprietà privata. All’inizio sono cominciati a sparire uno o due vasi, poi la cosa ha continuato a ripetersi”. Ad una delle residenti, è sparita una pianta alla quale teneva particolarmente. “Me l’avevano regalata quando sono andata in pensione. Proprio venerdì scorso aveva fotografato il fiore, perché era sbocciato. Era bellissimo. Era fuori dalla mia porta di casa. Ieri mattina una vicina mi ha chiesto se lo avessi rimesso dentro, le dico no e mi prendono i nervi, perchè era davvero un ricordo prezioso. Lo avevano portato via”. 
Ieri mattina i condomini si erano radunati sotto il porticato e hanno chiesto di posizionare alcune telecamere. “Non solo per i fiori, quanto anche per la sicurezza del palazzo. Non è possibile che qualcuno possa entrare così indisturbato”. Ma chi o chi sono i ladri dei fiori dei condomini? I residenti rivelano che nei mesi scorsi “era stata notata una persona che si era fermata con la bicicletta ed aveva portato via primule ed altre piantine”, ma da allora nessuno aveva più visto o sentito niente tranne che ritrovarsi con una pianta in meno al giorno nell’androne del palazzo. 
“Abbiamo pensato che questa persona o queste persone agiscano di notte, quando è molto tardi, oppure la mattina presto, perché nessuno riesce mai a vedere qualcosa”. E poi i condomini di via Giordano Bruno lanciano un appello: “Chi avesse visto qualcosa o qualcuno nella zona o ha subìto lo stesso furto, ce lo comunichi. Non è possibile continuare così, vedere le nostre piante che con tanta passione ed amore curiamo durante tutto l’anno, sparire nel nulla”.