Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, violenza in centro: due giovani aggrediti da una banda. Quattro denunce

Marco Antonucci
  • a
  • a
  • a

Sono stati aggrediti lungo Corso Italia, ad Arezzo, picchiati da un gruppetto di giovani poi identificati e denunciati dalla Polizia Municipale. Le indagini sono ancora in corso. Gli investigatori stanno lavorando per ricostruire la dinamica dei fatti e definire anche i motivi dell’aggressione che, stando ad una prima ricostruzione, sarebbero da ricondurre a quelli che vengono definiti futili motivi.

 

Un episodio che si aggiunge ad altri, simili, che hanno segnato gli ultimi week end della movida cittadina. Due giovani, età tra i 25 e i 30 anni residenti in città, sono finiti in ospedale dopo essere stati picchiati mentre si trovavano in pieno centro cittadino. La ricostruzione riporta alle 23.30 di venerdì. Il coprifuoco è passato da mezz’ora, quando i due vengono aggrediti da un gruppo di ragazzi. Scatta l’allarme e la parte alta di Corso Italia viene illuminata dai lampeggianti delle auto delle forze dell’ordine. Arrivano le pattuglie della Polizia Municipale che verranno poi supportate anche dagli agenti in forza alla Squadra Volante della Questura. I due malcapitati vengono soccorsi e per loro si rendono necessarie anche le cure dei sanitari del pronto soccorso dell’ospedale San Donato.

 

Si ricostruisce una prima dinamica dei fatti e scattano le ricerche degli aggressori. Nelle vicinanze vengono intercettati i quattro, tra loro anche una ragazza. Sono originari di paesi stranieri, hanno sui vent’anni: tra loro anche un minorenne che dai successivi controlli si scoprirà essere scappato da un centro di accoglienza di Grosseto. Vengono identificati e nei loro confronti scatta una denuncia per l’aggressione. L’ipotesi è quella di lesioni. Le indagini della Municipale però non si fermano. Saranno visionati anche i filmati delle telecamere di videosorveglianza accese nella zona per ricostruire la dinamica dell’aggressione avvenuta venerdì nel centro della città.