Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, spengono lampioni e tagliano albero per mettere a segno colpo da 200 mila euro nella ditta orafa

  • a
  • a
  • a

Un furto lampo: un minuto e un mezzo per arraffare circa cinque chili di semilavorati in oro, per un valore che si aggirerebbe intorno ai 200 mila euro. 
A tanto ammonta il bottino del raid commesso nella notte tra giovedì e venerdì all'azienda orafa Top Gold di Castelluccio di Capolona.
Ladri che hanno agito in modo fulmineo e allo stesso tempo attenti anche ai minimi particolari. Stando ad una prima ricostruzione i banditi hanno infatti tagliato i cavi dell’illuminazione pubblica, “spegnendo” i due lampioni più vicini alla ditta orafa. Non solo: hanno anche abbattuto un albero, facendolo cadere sulla strada in modo da ostacolare l’eventuale arrivo delle pattuglie di forze dell’ordine o dei vigilantes. 
Delle indagini si stanno occupando i carabinieri della compagnia di Arezzo. Sotto la lente anche le immagini degli impianti di videosorveglianza, telecamere i cui occhi sono puntati sulla zona dove ha sede l’azienda orafa.
La ricostruzione riporta alle due del mattino di venerdì. Secondo gli investigatori, i banditi sono riusciti a raggiungere una finestra e, dopo aver rotto le sbarre e forzato una finestra, sono penetrati all’interno del capannone utilizzando una scala. 
Una volta dentro hanno agito in un lampo visto che nel frattempo era scattato l’allarme. 
Novanta secondi al massimo per arraffare i semilavorati in oro che hanno trovato: si parla di cinque chili, un valore economico di circa 200 mila euro. 
A Castelluccio sono subito arrivate le pattuglie della vigilanza privata e dell’Arma dei carabinieri ma i ladri erano già riusciti a scappare, facendo perdere le loro tracce.
Una volta sul posto gli investigatori dell’Arma hanno avviato le indagini, esaminando e raccogliendo ogni elemento utile a ricostruire la dinamica del raid e riuscire a risalire agli autori del furto. 
Stando ai primi riscontri investigativi sarebbero due i malviventi entrati in azione nella notte tra giovedì 10 giugno e venerdì 11.