Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Arezzo acquista il Galileo Palace Hotel per 350 mila euro. Ripescaggio: problema fideiussioni

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

L’Arezzo si allarga e acquista il Galileo Palace Hotel a Rigutino. Se lo è aggiudicato all’asta per 350mila euro e la conferma arriva direttamente dall’amministratore delegato, Sabatino Selvaggio. “Sì, abbiamo preso l’hotel, perché vogliamo fare ciò che avevamo detto da quando siamo arrivati. Ovvero costruire qualcosa di buono e importante per i tifosi e investire in città”. A prendere l’albergo è uno dei gruppi che è dentro l’Arezzo. La cifra pattuita è di 350mila euro. L’Arezzo se lo è aggiudicato all’asta fallimentare dell’immobiliare Gallorini. “E’ ormai ufficiale - prosegue ancora l’ad Selvaggio - che siamo noi i nuovi proprietari. Abbiamo deciso di prendere l’immobile, perché vogliamo che diventi la nostra base operativa”. “In definitiva - prosegue - Non vogliamo più andare a chiedere a terzi, ma saremo direttamente proprietari di un albergo che potremo usare per le nostre squadre giovanili, ma anche per la prima squadra”. E non è detto che la società si fermi qui. Pare che in questi mesi, la società amaranto abbia guardato con occhio benevolo anche verso la Castiglionese - in ballo ci sarebbe una collaborazione - dove, per tutta la stagione, la squadra Primavera 3 ha trovato ospitalità. “Quando siamo arrivati ad Arezzo abbiamo sempre dichiarato che non volevamo fare solo calcio - sottolinea ancora l’amministratore delegato - anche perché il pallone porta pochi profitti e quindi la nostra intenzione era quella di ampliare anche la nostra attività”. La New Energy - gas e luce - la società che detiene le quote di maggioranza dell’Arezzo, ha intanto messo alcuni punti vendita in giro per la città. “Nonostante quello che dicono i tifosi - prosegue Selvaggio - che magari in questo momento li possiamo anche capire, noi vogliamo davvero costruire ad Arezzo. L’acquisto dell’albergo è un altro tassello che mettiamo per cercare di ingrandirci, per fare qualcosa d’importante”. Il Galileo Palace Hotel si trova lungo la Statale 71 che collega l’Umbria e la Toscana. Un punto alquanto frequentato e che davvero potrà servire come base sia per i ritiri della prima squadra durante il campionato, ma anche per tutte le squadre del settore giovanile verso il quale la società sta puntando particolarmente.Intanto sul ripescaggio. Trema l’Arezzo. Secondo quelle che sono le prime indiscrezioni, le fideiussioni presentate dalla società avrebbero dei problemi. L’Arezzo, potrebbe essere fuori dal ripescaggio, ma ancora non c’è niente di certo e soprattutto di ufficiale. Tutta la documentazione è già stata consegnata la scorsa settimana, mentre lunedì all’ultimo tuffo sono state presentate le fideiussioni. Inizialmente incomplete, quindi solo delle bozze, integrate con altre certificazioni di pagamento solo in tarda serata. Ed è qui che sono sorti dei dubbi che per il momento restano tali. Adesso la palla è in mano agli organi competenti (Lega, Covisoc e Figc) che decideranno se convalidare o respingere la domande di ripescaggio. Oltre all’Arezzo, hanno ufficialmente presentato domanda Lucchese, Pistoiese, Fano, Latina, Fidelis Andria e Siena. Se escludiamo l’Fc Messina, che se presenterà domanda di riammissione entro oggi, andrà a prendere il posto del rinunciatario Gozzano, restano sei posti potenziali per sette squadre. È bene parlare ancora di posti potenziali, in quanto si dovrà attendere il responso del Collegio di Garanzia del Coni per le sei squadre che hanno presentato ricorso (Chievo, Samb, Novara, Carpi, Paganese e Casertana). Ci sono alte probabilità che le bocciature vengano confermate in larga parte, anche se nelle ultime ore fonti vicine alla Lega Pro parlano di una Paganese con qualche possibilità in più di vincere il ricorso rispetto alle altre. Nel caso in cui il club campano dovesse farcela al Collegio di Garanzia, per l’Arezzo la strada verso la Serie C si complicherebbe molto. Gli amaranto sono sesti in graduatoria e con soli cinque slot liberi resterebbero fuori. Ma questa è una delle ipotesi peggiori. Ne sapremo di più lunedì 26 luglio, quando finalmente conosceremo le decisioni del Collegio di Garanzia del Coni. Poi martedì 27 luglio il Consiglio Federale avrà l’ultima parola. L’Arezzo resta quindi in stand-by, in attesa di capire se la domanda di ripescaggio - con le relative fideiussioni così come sono state consegnate nella serata di lunedì - verrà accettata. La città resta con il fiato sospeso, con voci su una possibile bocciatura che si sono rincorse in tutta la giornata di ieri. In viale Gramsci le bocche sono cucite. Inoltre non sono previste comunicazioni ufficiali da parte della Lega o della Figc nelle prossime ore. A meno che la Federazione non intenda comunicare in giornata la riammissione dell’Fc Messina con conseguente classifica di ripescaggio in attesa delle decisioni del Coni. Ma anche questa è solo un’ipotesi. È molto più logico immaginare che l’attesa si prolungherà quantomeno fino a lunedì prossimo.