Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, il comune sblocca il cantiere per la rotatoria di via Fiorentina. Lavori anche a Baldaccio e caserma via Filzi

Alessandro Bindi
  • a
  • a
  • a

Il comune sblocca il maxi cantiere di via Fiorentina. “Ad ottobre si riparte con i lavori sul raccordo”. Ad annunciarlo è l'assessore alle opere strategiche del Comune di Arezzo. Marco Sacchetti fa il punto sulle opere in partenza nelle prossime settimane: “Al via entro settembre anche il doppio tunnel del Baldaccio e la nuova caserma della Polizia Municipale in via Fabio Filzi”. Investimenti per 8 milioni di euro destinati a cambiare la viabilità a vantaggio non solo della circolazione e della sicurezza stradale ma anche della sicurezza dei cittadini con il trasferimento della caserma a Saione. Svolta quindi intorno a opere che hanno acceso il dibattito in città. Ancora tanti i dubbi delle opposizioni sul cantiere all'ex asilo di via Fabio Filzi; mentre la ripresa dei lavori sul raccordo spazzerà via i dubbi sullo stop del cantiere per il quale si è reso necessario dover ricorrere al rifinanziamento. Il maxi intervento costerà 3miloni e 200mila euro mentre per veder concludere i lavori del tunnel e della rotatoria sul raccordo all'altezza di via Fiorentina serviranno 480 giorni. Stessa durata dei lavori per il tunnel al Baldaccio per una spesa di un milione e 750mila euro. In via Filzi l'intervento con il quale sarà trasformato l'immobile simbolo del degrado e ricovero per senzatetto avrà un costo di 3 milioni e 100mila euro memtre il termine di consegna è stato fissato in 330 giorni.
“Il procedimento per la realizzazione del tunnel e della rotatoria sul raccordo in via Fiorentina” conferma l'assessore Marco Sacchetti “è in stato avanzato. Dopo l'impasse di questo periodo siamo adesso pronti per ripartire. Nell'ultima variazione di bilancio sono state ristanziate le somme necessarie per garantire il quadro economico. Il progetto è stato rifinanziato dopo aver ridefinito i costi per eliminare le interferenze dei sottoservizi nell'area di intervento. Costi, che adesso sono stati ben definiti. Resta solo da redigere una perizia di variante per formalizzare il leggero spostamento dell'asse della rotatoria. Credo quindi che l'ipotesi maggiormente plausibile è quella che ad ottobre finalmente riaprirà il cantiere; sarà prima realizzato il tunnel e poi la rotatoria”. Obiettivo del Comune è anche quello di far convivere i lavori con il cantiere limitando i disagi agli automobilisti in un'arteria decisamente importante e ad alto afflusso di traffico. “L'area non si può chiudere” dice Sacchetti “e abbiamo cercato di minimizzare i disagi. Il cantiere deve convivere con il traffico limitando il disagio alla circolazione stradale”.
Di minor impatto sulla viabilità sarà invece l'opera strategica di realizzazione in zona Baldaccio che servirà a facilitare l'accesso in città per chi arriva da Pescaiola. “La consegna dei lavori del tunnel del Baldaccio” garantisce Sacchetti “è prevista a breve, entro settembre. Mancano quindi poche settimane. Di mezzo ci sono solo piccoli intoppi burocratici . C'è da aggiustare qualche carta. Ma la gara è stata conclusa e l'impresa già individuata”. Attesa solo di formalizzare alcuni atti anche per la caserma della Polizia Municipale per la quale l'iter amministrativo è stato decisamente complicato. “In via Fabio Filzi ci sarà l'avvio dei lavori tanti attesi. Si è concluso l'iter amministrativo-tecnico laborioso ed è stato finalmente validato il progetto dopo vari contrattempi e dopo una lunga fase burocratica. Fra pochi giorni potremo concludere gli ultimi aspetti formali e poi il concessionario avrà trenta giorni per partire”. Entro settembre quindi anche a Saione partirà il cantiere in questo autunno decisamente intenso per le maxi opere pubbliche e strategiche cittadine.