Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, volantini contro don Daniele Leoni prima della processione a Cesa: "Prete arrogante hai il green pass"

Marco Antonucci
  • a
  • a
  • a

Prete arrogante hai il green pass”. Questa la frase scritta a mano su alcuni volantini che sono stati gettati sabato scorso lungo una strada di Cesa, poco prima del passaggio della processione della statua di Santa Lucia. Non solo: qualcuno ha scritto quelle stesse parole, utilizzando una bomboletta spray, lungo un’altra strada che da Cesa porta verso il Pozzo, le due località della Val di Chiana unite dallo stesso parroco, quel don Daniele Leoni che prima di essere ordinato sacerdote, nel 2015 a 43 anni, aveva nel suo passato pilotato gli elicotteri dell’Esercito, partecipando anche a missioni all’estero. 

 


E’ stato lo stesso sacerdote a raccontare gli episodi, con un post su facebook. “L’ho fatto per sdrammatizzare, per buttarla un po’ sul ridere ed evitare che parlando di quanto avvenuto si sviluppi tensione. Ce n’è già abbastanza in giro, la situazione che stiamo vivendo è tutt’altro che facile, per tutti. Per dirla tutta, tra l’altro, io non mi ero neanche accorto di quei foglietti, visto che i volontari del Comitato Festieri li avevano tolti prima del passaggio della processione”. “Non so che dire... E poi che c’entra il green pass? Mah... Prego per chi ha fatto questo gesto, ma lo ripeto, ne ho parlato per sdrammatizzare, per gettare acqua sul fuoco”. E i parrocchiani come hanno risposto al suo post su facebook? “Con tante attestazioni di vicinanza ed affetto”.

 


Restano però quei foglietti scritti a mano che qualcuno ha pensato bene di lasciare in strada prima del passaggio della processione, e poi quella stessa frase, “prete arrogante hai il green pass”, il cui senso appare tutt’altro che chiaro, scritta utilizzando una bomboletta spray. Non ci sono denunce, ma i carabinieri hanno deciso comunque di approfondire i due episodi che vedono come involontario protagonista il parroco di Cesa e Pozzo della Chiana.